Attività turistiche allo stremo: l’Abbac chiede ai comuni di sospendere IMU e Tari

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
L’Abbac ha inviato una nota all’Anci Campania, associazione degli enti locali, per chiedere di farsi portavoce verso i Comuni che entro il 1 marzo hanno già emesso le bollette Tari e il pagamento Imu. Nel decreto Mille Proroghe in dscussione al Senato proprio il 1 marzo, ci sono anche alcuni emendamenti come la richiesta di sospensione, proroga ed esenzione dei due tributi per il settore turistico.

“Faccio appello al presidente Anci Campania Carlo Marino, sindaco di Caserta, a cui chiedo di farsi portavoce di una richiesta di sospensione degli effetti di legge per la rateizzazione delle scadenze Tari, entro il 1 marzo – dichiara il presidente Abbac Agostino Ingenito- Se il decreto Mille Proroghe consentirà l’eventuale accoglimento degli emendamenti proposti, appare un ossimoro per i Comuni pretendere tali importi, considerato il possibile successivo ristoro agli enti locali da parte del Governo.

Inoltre chiediamo che la proroga, sospensione o esenzione riguardi tutte le strutture ricettive extralberghiere, sia professionali che integrative del reddito ,che al pari della filiera turistica, sono senza alcun ricavo da circa un anno, se si esclude la breve parentesi dell’estate 2020.

E’ necessario trovare un punto di convergenza, molte di queste strutture ricettive non hanno ricevuto alcun ristoro, pur equiparate alle categorie di tassazione come quelle imprenditoriali, mi riferisco, ai tanti Comuni, soprattutto nelle zone turistiche che hanno equiparato la Tari alla categoria ad “albergo senza ristorazione” anche per civili abitazioni in cui si svolgano parzialmente attività ricettive integrative del reddito come bed and breakfast.

E’ ormai inderogabile un cambio di passo, che tenga conto dell’enorme difficoltà di tutto il comparto, e di una maggiore e diffusa attenzione del nostro settore pesantemente colpito dalle conseguenze della pandemia con gravissime ripercussioni sul reddito di migliaia di famiglie in Campania che vivevano di sola rendita da turismo e che non hanno ricevuto alcun ammortizzatore sociale.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Le elezioni amministrative sono prossime, ricordatevi di tutti i componenti di questa Giunta Comunale che non hanno riconosciuto nemmeno un euro per i titolari di B&B salernitani.
    Hanno riconosciuto contributi alle case religiose, perché il clero è importante sotto l’aspetto elettorale, nonostante non raccogliessero la tassa comunale di soggiorno mentre ai B&B nulla.
    Buttano il fumo negli occhi con il ” ripascimento ” mentre l’economia salernitana è collassata, povere future generazioni.
    Congratulazioni…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.