La Lombardia evita la Zona Rossa dove ci finisce la Campania

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
16
Stampa
La Lombardia evita la zona rossa. Secondo quanto si apprende da fonti vicino alla Regione, c’è il passaggio all’arancione scuro. Da oggi, tra l’altro, è in vigore un’ordinanza del presidente, Attilio Fontana, che ha sancito l’arancione rafforzato per tutto il territorio lombardo, anticipando di fatto l’esito della cabina di regia del venerdì. Anche l’Emilia-Romagna dovrebbe salvarsi e restare in arancione. La decisione sarebbe dovuta anche alle differenze che ci sono fra i vari territori della provincia: per Bologna e Modena, le due zone maggiormente sotto pressione, è già infatti stata istituita la zona rossa, mentre Rimini, Ravenna, Cesena e Reggio Emilia sono in ‘arancione scuro’.

“Il dato dell’Rt a 14 giorni mostra che il nostro Paese ha superato l’1, questa non è una buona notizia perché è un indicatore di crescita dell’epidemia e l’obiettivo a livello Paese e di Regioni e Province autonome è riportarlo rapidamente sotto l’1, ma quasi  tutte le regioni sono con l’Rt sopra l’1 anche se con il livello più basso dell’intervallo di confidenza in alcuni casi sotto l’1. È un dato molto importante e un segnale rilevantissimo di necessità di adozione tempestiva di misure di mitigazione a livello nazionale e anche a livello regionale”. ha spiegato il presidente dell’Istituto superiore sanità Silvio Brusaferro, sull’analisi dei dati del monitoraggio regionale della cabina di regia. “La variante inglese è largamente circolante come maggioritaria nel nostro Paese”.

“La variante brasiliana era presente in più del 4% dei ceppi isolati in Italia ma ci preoccupa un po’ di più e bisogna fare uno sforzo maggiore per contenerla” ha sottolineato il direttore della Prevenzione del ministero della salute Gianni Rezza. “Per questo come cabina di regia abbiamo invitato tutte le regioni dove è presente a implementare misure di restrizione  e contenimento maggiori. Il momento è critico rispetto alla tendenza dell’epidemia ma possiamo intervenire tempestivamente anche dando impulso alla campagna vaccinale”.

Nella settimana 22-28 febbraio dopo un periodo di crescita si osserva “una netta accelerazione nell’aumento dell’incidenza a livello nazionale rispetto alla settimana precedente (194,87 per 100.000 abitanti contro 145,16 per 100.000 abitanti”. L’incidenza nazionale nella settimana di monitoraggio, quindi, “si allontana da livelli (50 per 100.000) che permetterebbero il completo ripristino sull’intero territorio nazionale dell’identificazione dei casi e tracciamento dei loro contatti e anzi si avvicina alla soglia di 250 casi per 100mila abitanti”.

Perciò, viene sottolineato nel report settimanale, “analogamente a quanto avviene in altri paesi Europei, si rende necessario un rafforzamento/innalzamento delle misure su tutto il territorio nazionale al fine di ottenere rapidamente una mitigazione del fenomeno. “Proprio in presenza di varianti che possono parzialmente ridurre l’efficacia dei vaccini attualmente disponibili”, le Regioni “sono invitate ad adottare, indipendentemente dai valori di incidenza, il livello di mitigazione massimo a scopo di contenimento”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

16 COMMENTI

  1. Papino il grande bluff fumo con la manovella fumo la pipa fumo di tutto e di più sto fumato, poiché sei comunista hai detto che la campania è rossa…non c’entra, scusate colpa del fumo eccezioooonale….tra poca la parte misogena di me bipolare scriverà contro me stesso e la mia signora scusatemi

  2. Per Gino di tacco 18:24
    La Lombardia è una regione del Nord ed è ricca,non ha bisogno di falsificare i dati.Lei invece cammina con i tacchi in una regione rossa del sud.

  3. Quello che dici tu è la pura verità….ma ci devono ancora spiegare perché( oggi purtroppo 13 morti in Campania) al Nord e soprattutto in Lombardia il tasso di mortalità è molto più alto!
    Io un idea me la sono fatta, non è una questione di sole ….secondo me lo smog

  4. la Lombardia è ricca grazie al lavoro dei meridionali. Le politiche economiche del passato hanno favorito il Nord svuotando il Sud prima delle braccia e poi dei cervelli. Riguardo ai dati è sicuro che sono stati alterati, come provato dai continui rilievi dell’ISS. Non capisco invece perchè sia emigrato lei, visto che avrà braccia corte e poco cervello.

  5. X 21:17 l’ebete parassita che si firma con nickname falso

    Sei falso come il tuo padroncino, Papino il grande Bluff

  6. Caro oriundo la storia insegna che sono sempre i ricchi che lo mettono a quel servizio ai poveri e che rubano e falsificano per diventarlo e per restarci. Il ricco non fa mai i soldi onestamente senza scamazzare qualcuno. Impara

  7. Il presidente della Lombardia come al solito ha dato dati falsati, un abitudine che dura da più di 150 anni che falsano le azioni.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.