Addio cashback: i contanti non sono male

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
Addio cashback, quindi. Soltanto quattro mesi fa sembrava che i contanti fossero la rovina dell’economia italiana. Perciò, lotterie e premi di miliardi per chi li rimpiazza con carte di credito e bancomat. Ora invece, dietrofront. Uno dei tanti, rispetto all’immaginifica era Conte-Arcuri: nel cestino app immuni, monopattini, banchi a rotelle e primule.

Resta però il dilemma: è vero che per annientare gli evasori fiscali e, già che ci siamo, pure i mafiosi, bisogna scoraggiare il contante? Contro questa tesi si è espresso niente di meno che Carl-Ludwig Thiele, dirigente della Bundesbank, la banca centrale tedesca: “Non mi risulta che nei paesi con un limite massimo per i contanti ci sia meno criminalità”. E si è chiesto provocatoriamente: “Dovremmo proibire i telefoni cellulari? Anch’essi, come i contanti, rendono più facile ai delinquenti compiere i loro crimini”.

Nel suo nuovo libro Viva i contanti (Ponte alle Grazie) Beppe Scienza, docente di matematica all’università di Torino, nega che l’obiettivo della lotta alle banconote sia l’evasione fiscale: “Solo un loro divieto completo servirebbe, ma richiederebbe l’uscita dall’euro. Che non propone però nessuno dei pugnaci combattenti della guerra contro i contanti, la ‘War on cash’”.

E allora, perché tutta questa spinta per i pagamenti elettronici? “Perché sui contanti le banche non guadagnano niente. In compenso convengono a negozianti, ristoratori e artigiani, i quali evitano provvigioni e costi vari, che altrimenti ribaltano poi inevitabilmente sui prezzi”.

I contanti infatti funzionano sempre, senza bisogno di apparecchi o collegamento a Internet. Tengono riservate le abitudini di consumo e danno il senso della spesa: uno vede subito quanto gli avanza. Permettono di pagare anche a falliti, homeless, minori, privi di conto bancario o carta prepagata.

È anche falso che in Italia siano troppo diffusi: i tedeschi li usano altrettanto, per l’80% dei pagamenti. Le banconote difendono poi egregiamente in caso di imposte patrimoniali o di ritorno alla lira. Sono la miglior riserva di valore, perché non consistono in moneta bancaria: li emette la banca centrale, che non fallisce. Occorrono solo alcune avvertenze per i prelievi e le cassette di sicurezza, che il libro spiega.

Si può convenire o no sulla tesi di Scienza, l’elogio dei contanti, ma il suo lavoro è anche ricco di informazioni e curiosità. Per esempio: agli sconsiderati che vogliano nascondere i propri averi sotto il materasso, convengono più i lingotti o le banconote?

“Prendiamo un lingotto d’oro da un chilo e una mazzetta di biglietti di banca da 500 euro, che complessivamente valgano altrettanto. L’ingombro, cioè lo spazio che occupano, sono simili. Non nego che psicologicamente il lingotto infonda un senso di sicurezza maggiore, e non solo perché pesa di più. Però come riserva di valore le banconote funzionano meglio dei lingotti. Infatti i vantaggi dell’oro sono pochi, e molti gli svantaggi”. Il libro ne elenca parecchi, in particolare i saliscendi del prezzo e gli alti costi per acquisto e rivendita.

Le banche si lamentano per gli alti costi di gestione dei contanti. “Ma è strutturale che li abbiano”, taglia corto Scienza. “Bella pretesa, volerli evitare. È come se uno stabilimento balneare pretendesse di impedire ai clienti di andare in acqua, per non dovere pagare i bagnini”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. Questo signore pensa che gli italiani siano come i tedeschi, forse non sa che qua per farti fare uno scontrino devi pregare.

  2. Ma che scemenza,è chiaro che io col cashback pretendo che mi venga emesso lo scontrino,e quindi l’evasione fiscale diminuisce fatalmente

  3. Pagare in contanti, con banconote, non è tanto sicuro in tempo di Covid-19, per motivi igienici.
    Inoltre l’uso del contante agevola senz’altro l’evasione: l’emissione dello scontrino deve essere richiesta, non è vista come un dovere verso il cliente!

  4. Ho sempre usato le carte di credito e mi trovo molto, ma molto bene.
    Non credo che il cash back risolva il problema dell’evasione totalmente ma, un contributo, sulla piccola evasione, lo dà sicuramente.
    Faccio due esempi:
    Mi fregarano il portafoglio. In contanti avevo solo 10 euro e le carte nuove mi arrivarono dopo una settimana;
    Una mia amica fa l’estetista a nero. Non può versare più di tanto in banca, per non avere controlli, e paga sempre in contanti.
    La stessa situazione la può avere qualche avvocato, qualche commercialista, qualche dottore privato, qualche negoziante che smercia roba rubata o comprata al mercato parallelo, qualche lavoratore edile impiegato a nero, ecc ecc

    Evidentemente questa gente ha riferimenti molto in alto per poter scrivere, e far riportare a voi, le sciocchezze che ho letto nell’articolo

  5. Prima di copiare gli articoli dell’huffington post li controllate? L’articolo è vecchio, il cashback è stato riconfermato, seppur con dei correttivi in arrivo, la mozione di FdI per sospenderlo è stata bocciata

  6. Il cashback serve ad “inculare” i negozianti evasori fiscali che dichiarano il regime forfettario; e poi si lamentano che lo stato non gli ha dato niente per il covid. Grazie al “cazz o”, prima rubate e poi volete essere risarciti? Con lavoratori in nero ed evasione fiscale totale? Lockdown fino a fine dicembre. Attivita chiuse fino a fine dicembre. Ce ne sono moltissime inutili. Moritevi di (fame). Vivi e non lascia vivere che ti “fucilo”………. pollli servi del duce

  7. Ci sono 3 categorie che amano il contante:

    1) Malavita
    2) Evasori
    3) Latrine che fanno lavorare a nero

    Ovviamente poi c’è la patetica scusa delle poveri vecchietti che non sanno usare una carta.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.