Vaccini, in Campania le dosi scarseggiano «Scorte solo per tre giorni»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
L’unica certezza di arrivi di vaccini in Campania per i prossimi giorni sono le 148.000 dosi di Pfizer, annunciate all’Unità di Crisi per mercoledì. Un quantitativo con cui, rispettando la richiesta di almeno 50.000 vaccini al giorno, i centri campani durerebbero meno di tre giorni.

E’ quanto si apprende dall’Unità di Crisi che analizza con l’ANSA le richieste del commissario nazionale sottolineando che le strutture e il personale per arrivare ai quantitativi di vaccinazioni richieste da Roma ci sono, ma mancano le dosi. “L’arrivo dei 148.000 Pfizer – spiega una fonte dell’Unità di Crisi – è previsto per mercoledì, quindi due giorni dopo il lunedì che era il giorno in cui ci venivano mandati.

Ovviamente in una settimana, anzi, in sei giorni, li bruciamo tutti facendo 25.000 dosi al giorno, lavoriamo, come si dice a Napoli ‘scannati’, ma questo accade già da tempo. Noi dovremmo avere target di vaccinazioni alti, ma stamattina come ogni giorno i direttori delle Asl si sentono per mandarsi vicendevolmente mezza piastra di dosi per completare la giornata ad Avellino o a Caserta”.

Dall’Unità di Crisi campana sottolineano anche l’impossibilità di programmare le vaccinazioni in anticipo e con serietà: “Ci dicono – spiegano dall’Unità di Crisi – che nel mese di aprile dovremmo avere queste dosi aggiuntive, a noi per ora arriva il target precedente.

Su Astrazeneca non abbiamo alcuna comunicazione, sulle dosi di Moderna non ci hanno detto niente per aprile. Su Johnson ci hanno detto che arriveranno 15.000 dosi dopo il 16 aprile, cosa ci facciamo? E’ un numero bassissimo. Il target è di 500.000 vaccini e noi abbiamo i progetti per farli ma al momento siamo targettizzati su 50.000 per le dosi che abbiamo e, ripeto, i direttori spostano le piastre personalmente per non chiudere i centri.

A Figluiolo diciamo che siamo pronti fare tutti i numeri che chiede ma se ci mandi le dosi. Faccio un esempio: l’hub vaccinale di Capodichino è una struttura che deve avere le dosi per fare seriamente migliaia di vaccini al giorno e servire le tre Asl partenopee, infatti al momento è in stand by”.

Ultimo passaggio sull’accordo firmato ieri dalla Regione con le farmacie: “Abbiamo stretto l’accordo – spiegano – stanno facendo la ricognizione per l’allestimento, ma una farmacia per fare le vaccinazioni deve investire, adibire uno spazio, assumere personale, mettere una tenda o un camper, spendere insomma almeno 5-6.000 euro, ma poi gli devi garantire un feed di vaccini.

Dovrebbero avere Johnson almeno 50 dosi a ognuna delle mille farmacie per cominciare, quindi ne servono 50.000 non 15.000. Se a maggio non arriva un bel quantitativo di vaccini anche questa operazione non si può far partire”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. La sfilata dei tir con il logo Regione Campania che trasportavano i moduli degli ospedali modulari scandalo ed inutili, le 3 mascherine con il logo Regione Campania spedite a casa dei campani, la tessera con il logo della Regione Campania che testimonia la vaccinazione effettuata, l’attivazione della vaccinazione della fascia 60-69 mentre tutte le altre fasce in corso procedono a rilento (fragili, ultraottantenni, non deambulanti, 70-79, personale sanitario e scolastico) e non sono state completate.
    Sono alcuni esempi di propaganda tesa a dimostrare che la Campania fa tutto prima e meglio delle altre regioni mentre la realtà è ben diversa…….
    Papino il Grande Bluff….

  2. Normale che scarseggiano,hanno fatto vaccini a gò gò a gente che non ne avevano il diritto trascurando i più bisognosi.La campagna di somministrazione dei vaccini in Campania è stata un vero disastro,nella conferenza stampa che De Luca fa il venerdì abbia il coraggio e l’onestà di ammetterlo.Se avesse gli attributi dovrebbe risalire ai responsabili e punirli.Però penso che difficilmente lo farà perché tra questi ci saranno tanti dei suoi scagnozzi.

  3. me la prendo anche con la gente,non so se queste persone in attesa che vedo sempre siano in lista per il vaccino o stanno elemosinando una dose,ora se sono in lista non dovrebbero essere in fila (assembramento ) e poi specialmente se sono anziani!!!!!!!! se invece non sono in lista sono solo dei vigliacchi con la paura nell’animo che vanno ad elemosinare una dose avanzata…….ecco lo spaccato del popolo italiano……..

  4. NUN SI BUON NEANCHE A ORGANIZZARE A CASA TUA FIGURIAMOCI A LIVELLO REGIONALE. Taci.

  5. I vaccini gli hanno fatti prima gli scagnozzi del dittatore mao de luc e poi gli altri

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.