Rinvenuti a Pollica resti di un cetaceo, le ossa sono di interesse scientifico

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
I militari del Nucleo Carabinieri CITES di Salerno, in esito a controllo conseguente una segnalazione effettuata dal Direttore del Museo Vivo del Mare, con sede a Pollica, hanno provveduto, al fine di proteggere da azioni di sciacallaggio o indebita rimozione, i resti ossei di un cetaceo marino di grandi dimensioni aventi particolare interesse scientifico – divulgativo, al sequestro degli stessi, in località “Cala dal Conte” del comune di Montecorice, presso l’arenile della spiaggia “Ripe Rosse”.

Tanto si è reso necessario in quanto parte delle spoglie dell’esemplare è protetto dalla convenzione CITES, ed erano già state oggetto di predazione da parte di ignoti. Il recupero dei resti è stato effettuato con l’ausilio dei medici veterinari dell’Asl Salerno 1, e gli stessi reperti sono stati trasportati presso il deposito del Museo Vivo del Mare, dove saranno conservati in custodia giudiziaria, e affidati al direttore scientifico.

Sarà cura del Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, la definitiva identificazione della specie a cui appartiene l’esemplare, mediante i rilievi morfometrici e gli esami molecolari sul DNA, qualora rilevabile. La confisca definitiva da parte dell’autorità giudiziaria permetterà che l’esemplare venga destinato a fini scientifici, didattici e divulgativi.

CITES

La convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione, nota come CITES (Convention on International Trade of Endangered Species), è un accordo internazionale firmato a Washington il 3 marzo del  1973 e divenuta esecutiva nel 1975, nata con l’obiettivo di tutelare  le specie di animali e vegetali  minacciate di estinzione, regolamentandone il commercio. lo sfruttamento commerciale è, unitamente  alla distruzione degli ambienti naturali, una delle principali concause dell’estinzione e rarefazione in natura di numerose specie ed il commercio clandestino e/o illegale di specie selvatiche è ancora oggi uno dei traffici illeciti più importanti e redditizi al mondo, dopo quello di droga, armi ed esseri umani.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.