Miozzo contro riaperture: “Pandemia si sta evolvendo in modo imprevedibile”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Agostino Miozzo stato coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico durante il governo Conte, ora è consigliere del ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi.

E sta seriamente pensando alle dimissioni, “per dedicarmi alla riflessione, all’insegnamento e allo studio. È necessario analizzare il percorso fatto in questi mesi di difficile lotta a un nemico sconosciuto, anche per prepararci a eventuali nuove evoluzioni di questa o di nuove crisi”.

Miozzo ha affidato al Corriere della Sera le sue riflessioni, ma anche e soprattutto la sua contrarietà alle riaperture dei prossimi giorni: “«Le aperture della scuola, della ristorazione o del mondo dello spettacolo contribuiranno certamente a un rialzo della curva. Il piano B deve pertanto essere sempre presente, e tutti sappiamo che sarebbe devastante dover ripiombare in una situazione di lockdown nel periodo estivo”.

Per Miozzo il rischio si chiama varianti: “Sono dietro l’angolo, di loro si sa poco, ma abbastanza per doverci preoccupare di ceppi non controllabili dai vaccini e dalle terapie disponibili”, rischio che rende plausibili misure drastiche come il coprifuoco: “Il coprifuoco è una limitazione delle libertà di movimento adottata in moltissimi Paesi.

Il “mio” Cts non si è mai espresso, ma abbiamo dato più volte pareri positivi sulla necessità di prevedere una riduzione della mobilità e del rischio delle aggregazioni in luoghi chiusi”.

Relativamente alle scuole, tema su cui è consigliere, Miozzo è altrettanto deluso e preoccupato: “Sin da aprile dello scorso anno sono state date indicazioni sul distanziamento nelle classi pollaio, sul dramma dei mezzi di trasporto, sulla criticità delle aggregazioni extra-scolastiche.

Purtroppo dal dibattito di queste ore sembrerebbe che non siano serviti a nulla gli sforzi fatti sinora su arredo scolastico, mascherine e disinfettanti, coordinamento con i prefetti. I dirigenti scolastici e il personale tutto si sono ben attivati nei mesi scorsi con innovazioni mai sperimentate prima d’oggi.

Penso che nella narrazione negativa prevalga la considerazione della politica del territorio che insiste nel penalizzare la scuola rispetto ad altre categorie. È l’aspetto più sconfortante, per questo spero in una fortissima presa di posizione del governo che imponga all’intero Paese il principio della priorità da dare alla scuola”

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.