Vaccino Covid, open day giovani con AstraZeneca e J&J: i dubbi e i pareri degli esperti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Sono oltre 39 milioni gli italiani che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino e, tra questi, 13 milioni hanno completato il ciclo vaccinale. Alcune regioni continuano la campagna di immunizzazione contro il Covid anche attraverso gli open day appositamente dedicati durante i quali non si utilizzano soltanto preparati a Rna (Pfizer e Moderna), ma soprattutto quelli a vettore virale, Vaxzevria di AstraZeneca e il monodose Janssen di Johnson&Johnson.

I due preparati sono stati approvati dai 18 anni in su ma raccomandati dall’Aifa per gli over 60. Alcuni esperti hanno manifestato dubbi sulla somministrazione dei vaccini a vettore virale su alcune fasce di età. Il dibattito è aperto.

“Con una bassa circolazione virale, nelle persone di età inferiore a 30 anni i rischi di AstraZeneca possono essere maggiori dei benefici”, ha scritto per esempio, su Twitter, citando come riferimento il documento del 23 aprile scorso dell’Agenzia Europea dei medicinali (Ema), Nino Cartabellotta, presidente Fondazione Gimbe

I dati sul rapporto rischi e benefici
Secondo un altro report dell’Università di Cambridge sul vaccino anti-Covid di AstraZeneca, con uno scenario di bassa circolazione del virus i benefici sono nettamente superiori ai rischi nella fascia di età 60-69 anni, mentre nella fascia di età 20-29 anni i rischi diventano leggermente superiori ai benefici.

A guardare i dati forniti dall’Ema ai livelli attuali di circolazione del Covid, pari a 375 casi su 100mila persone in un mese, i ricoveri in terapia intensiva evitati con la somministrazione del vaccino AstraZeneca a soggetti nella fascia d’età tra i 20 e i 29 anni sono 3 ogni 100mila, mentre i casi di trombosi rara sono 1,9 ogni 100 mila.

Non tutte le regioni organizzano open day, in Lombardia per esempio non se ne fanno. La Campania, il Friuli Venezia Giulia e l’Umbria sono quelle che hanno somministrato il maggior numero di dosi ai giovani tra i 20 e i 29 anni, coprendo rispettivamente il 26,1%, 21,8% e 21,3% di questa fascia di popolazione. In questa graduatoria, che comprende anche la province autonome di Trento e di Bolzano, quest’ultima ha raggiunto già il 30,3% mentre la Lombardia è al 20,7%, la Sicilia al 20,3% e la Basilicata al 20%.

Il governatore Massimiliano Fedriga ha comunque spiegato che, seguendo le raccomandazioni di Aifa, in Friuli Venezia Giulia AstraZeneca e J&J vengono inoculati soltanto agli over 60. Proprio, per quanto riguarda la fascia di età 60-69 anni, in Italia, il 22,6% risulta ancora non vaccinato, mentre il 45,6% ha ricevuto soltanto una dose.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.