Incendi, Cammarota: “Il sindaco di Salerno arriverà come sempre in ritardo”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
16
Stampa
“L’avevamo annunciato e avevamo sollecitato il sindaco, con proposte concrete, ed ora l’intervento, le preoccupazioni e le iniziative del Prefetto di Salerno ci danno ragione. A partire dalla necessità di una task force con il coinvolgimento delle amministrazioni. Ma come sempre il sindaco arriverà con l’ambulanza mentre il morto è già a terra da ore”. Così l’avvocato Antonio Cammarota, presidente della commissione trasparenza e candidato sindaco de “La Nostra Libertà” sull’emergenza incendi, già trattata, con proposte, insieme a Francesco Vota, dirigente de “La Nostra Libertà” qualche settimana fa.  “Ci conforta l’intervento del Prefetto di Salerno e ci auguriamo che faccia effetto per non assistere a quel disastro annunciato già da noi denunciato con proposte concrete per evitarlo, attraverso strumenti di prevenzione che ci sono e sono di facile attuazione”, prosegue Cammarota. “Mi riferisco alla pulizia delle sterpaglie, all’utilizzo delle telecamere, delle guardie ambientali o dell’esercito con l’attivazione di una task force. Proposte de “La Nostra Libertà” per evitare una cronaca di un disastro annunciato”. “Purtroppo non siamo fiduciosi che il sindaco Napoli recepisca il messaggio e siamo certi che arriverà un attimo dopo, così come è avvenuto per il ponte dei Diavoli, per la città sporca, per l’invasione di topi, per la movida violenta, dove si assiste all’ennesimo preoccupante episodio”, conclude Cammarota.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

16 COMMENTI

  1. Meraviglioso come l’esercito sia sempre la soluzione ai problemi. Il problema c’è in tutto il sud e nessuna amministrazione si impegna veramente per prevenirlo. Sentir parlare anche dell’esercito per la prevenzione degli incendi…

  2. il sindaco napoli e’ inservibile come amministratore di una citta come salerno ma all’orizzonte non vedo questi geni che si affacciano a salvarci,la citta’ di salerno come citta’ ha bisogno per prima cosa una pulizia sia dentro che fuori,quel personaggio che si candidasse e facesse capire a chiari note che l’andazzo con salerno pulita sta per terminare avrebbe gia un vantaggio di voti dalla cittadinanza che paga tantissimo e riceve poco e niente,secondo: decoro verde pubblico e strade,ultimamente mi sembrava di guidare in strade africane con fossi e sbalzi inpressionanti,sono rimasti nella zona industriale e per il verde pubblico sotto elezioni si vede qualche miglioria di facciata,ma questi amministratori devono andare a casa ne abbiamo le palle piene.

  3. Il bilancio va a fuoco è rosso fuoco

    Vorrei parlare del tema del delukista che toglie un grosso pezzo di carbone compresso sporco e non trasparente (il più grosso diamante grezzo mai posseduto dagli indigeni che lo possiedono da sempre), lo toglie agli indigeni per regalarlo ad un suo amico, straniero come lui.
    Perchè lo avrà fatto? Per amore della estetica, per amore per il suo simile straniero come lui, per odio degli indigeni, per partecipazione all’illecito arricchimento?

    Poco importa ora al posto del diamante grezzo nel registro dei beni degli indigeni c’è il vuoto assoluto, in quello dello straniero ci sono centinaia e centinaia di milioni in più. Ma nel registro dei beni dei delukisti cose c’è? Un semplice grazie a buon rendere? Un quartino un loft un appartamento crescentino presente o futuro per qualcuno vicino?
    Chi lo sa!

    Ma cosa che più fa ridere è che nel registro dei beni degli indigeni poi viene iscritto sul suo un debito di 8.000.000 più uno di 22.000.000 sempre a favore dello stesso straniero. Più, è di ieri la notizia, un altro debito di 2.000.000.
    Questo per regalare anche il tetto piazza al condominio privato Crescent coi soldi delle nostre tasse e rivalutare ulteriormente il condominio privato.
    .
    Ora però i delukisti ci raccontano che lo hanno fatto per il bene degli indigeni.

    Gli indigeni che non sono pagati con i soldi di tutti gli altri indigeni troveranno un posto dove far convergere i loro voti?

    Delle due l’una, o hanno ragione i delukisti e gli indigeni sono dei dementi ma pure masochisti, per cui vanno trattati con castrazione degli attributi per ottenerne il voto.
    Oppure non vi sono più indigeni a Salerno ed è perciò che sotto i delukisti i residenti sono diminuiti, cacciati da Salerno gli indigeni e sostituiti con delukisti doc.

    Volete essere spogliati e cacciati in miseria anche voi da Salerno per dare le vostre cose tari soldi multe pedaggi tariffa posto macchina residenti, fallimento vostre attività in favore di quelle Crescent, per arricchire i delukisti?

    Vedete voi!
    Le favolette del delukista che scrivono su questo blog evidenziano cosa essi sono e vi fanno, e per quali beoti masochisti vi considerano.
    Io non credo che siate i fessi che loro ritengono ed a cui si possono contare queste frottole.

    Hanno preso pezzi delle nostra Salerno i migliori hanno speso i soldi delle nostre tasse per demanio espropèri abbattimenti per preparare il terreno e poi gli hanno regalato il centro si salerno allo straniero, mare spiaggia fiume demanio istituti nautico pubblico parcheggio pubblico economico parco pubblico, albergo cantieri nautici grossisti nautici grossisti materiali lignei grossisti materiali edili ditte import export, tutti epropriati abbattuti risarciti di perdita avviamento attività e mancati profitti futuri con le nostre tasse, centinaia di posti di lavoro diretti e indotto di Salernitni persi.

    E quanto ha pagato questo prenditore straniero ai salernitani per guadagnarci centinaia di milioni? ZERO, NIENTE, 0.

    O forse qualcosa ad un lucano lukista di potenza , cosa pensate?

    Ma intanto hanno aumentato a dismisura tasse multe e balzelli per avere pure i conti in rosso, perchè regalano i nostri beni e le nostre tasse agli amichetti.
    E chi dovrà cacciarli i soldi adesso in disservizi e tasse e balzelli per ripianare? Sempre noi.

    Orbene chiunque non è pagato con i nostri sodi, ma paga costoro più di quanto riceve, la smetta di baciare le mani ai delukisti alle elezioni.

  4. otizia del giorno il bilancio è rosso fuoco"I generosi salernitani che già hanno regalato ad un prenditore privato straniero la più costosa pregiata ambita zona demaniale con spiaggia e mare e veduta sulle due costiere...

    La notizia del giorno il bilancio è rosso fuoco.
    “I generosi salernitani che già hanno regalato ad un prenditore privato straniero la più costosa pregiata ambita zona demaniale con spiaggia e mare e veduta sulle due costiere, provvedendo a spese loro ad acquisto espropri risarcimenti per perdita avvimento attività private e mancati futuri guadagni, abbattimenti di albergo attività private import exporto, grossisti nautici ed accessori, cantieri nautici, grossisti materiali edili, grossisti materiali lignei, rinuciando a centinaia di posti di lavoro storici, abbattimento e distruzione di parco pubblico istituto scuola nautica pubblica parcheggio pubblico economico, tutto con le loro tasse, insistono a regalargli a sto privato straniero anche 8.000.0000 più 22.000.000 più per ultimo altri 2,000.000 per costruirgli il tetto piazza al suo iperlussuoso condominio privato.”

    Lo stesso prenditore privato che sta facendo i grattacieli in prima linea sul lungomare nella speculazione ex marzotto.

    Come è bello costatare come anche la natura si adatta alle necessità del progetto speculativo per massimizzare il guadagno.

    Vi erano sui due lati della strada a partire dalla torre angellara fino alla Regione due file di alberi ormai secolari ad abbellire quella via orbene sono tutte là, tutte sane, ma quelle che finivano sul progetto speculativo riducendone il guadagno hanno pensato bene di ammalarsi, così tanto, da dover essere abbattute per poi speculare pure sul loro legno.
    È proprio una curiosità biologica, una sera degli operai si aggiravano con delle lattine intorno agli alberi e poi si è scoperto che si erano irrimediabilmente ammalate le piante.
    Una malattia che stranamente ha coinvolto solo le piante che davano fastidio all’attuazione del progetto, ne quelle prima , davanti all’hotel mediterraneo, ne quelle dopo dal novo hotel in poi, ne quelle di fronte lato finanzieri, solo le piante che ostruivono il proggetto limitandone il profitto.
    Che dire invece del fatto che nessuna bonifica dell’amianto è stata fatta in quell’area prima degli abbattimenti, eppure è storia, ed io lo so perché una mia lontana zia ne è morta 25 anni dopo averci smesso di lavorare alla Marzotto ed a tanti di loro è stata riconosciuta la esposizione ad amianto, in quell’epoca perfino i tubi dell’acqua, gli isolamenti termici ed acustici, le impermeabilizzazione ed gli impianti termici ed industriali elettrici facevano grande uso di amianto.
    Ebbene hanno abbattuto tutto con grande diffusione di micropolveri e microfibre, con appena degli schizzi di acqua per fingere di ridurre l’innalzamento e diffusione di dette polveri e fibre, che comunque quando si è asciugata l’acqua ed gli operai se ne sono andati il vento ha portato in giro in parte, mentre la restante continua a essere inglobata in cemento manufatti terreni fondamenta terra e strutture e respirata da operai e cittadini.

  5. Il bilancio di Salerno va a fuoco, si è incendiato è rosso fuoco!

    Chi ha scritto questo è un tipo ottimista, io credo che ogni famiglia salernitani abbia regalato, contro la sua volontà, ben più di 1000€ al privato straniero nell’affare Crescent.

    “Guarda caso le centinaia di milioni di guadagno del privato straniero nell’affare Crescent superano le entrate delle tasse comunali del comune di Salerno.

    È abbastanza banale 8.000.000 più 22.000.000 sono i soldi di tasse destinati al regalo del tetto piazza del condominio Crescent da parte dei delukisti coi nostri soldi.
    Se a Salerno son rimasti scarsi 130.000 residenti, dividendoli per famiglie di 3, 4 persone vi dovrebbero essere circa 35.000 appartamenti le cui famiglie pagano tari, 30.000.000 diviso 35.000 (sicuramente molti sono pure esonerati) ma semplicemente con questi numeri il costo pubblico della piazza equivale a 1000 euro in più da pagare per ognuno dei 35.000 appartamenti o in meno se si usano per pagare i servizi della tari invece di regalare il tetto piazza al condominio Crescent pretendendo la esosa tari dai cittadini ed altre tasse multe balzelli pedaggi ecc.”

    Si aggiungono altri 2.000.000 di euro di tasse nostre a quanto sopra in regalo al condominio privato Crescent, notizia fresca.

  6. Il bilancio va a fuoco, è rosso fuoco dalla vergogna!Un amministratore di condominio invece per le stesse cose poteva essere condannato per bancarotta fraudolenta di un condominio,abuso di mandato,raggiro,truffa dilapidazione di patrimonio

    Un amministratore di condominio invece per le stesse cose poteva essere condannato per bancarotta fraudolenta di un condominio, abuso di mandato, raggiro, truffa e dilapidazione di patrimonio dei rappresentati.
    Ma ! Sarà stata una schifezza come dice un tipo quella zona, intanto i ragazzi del nautico finirono negli ex sottoscala della scuola primaria li vicino, l’importantissimo indispensabile parcheggio a pagamento economico, la perdita dei posti lavoro di centinaia di lavoratori, compreso indotto, che lavoravano per nautica, grossisti nautica, import export materiali lignei edlili, cantieri nautici (insomma ciò per cui esistono i porti e le aree portuali), hotel, l’abbatimento di tutto, compreso l’istituto nautico e storico albergo, ed il rimborso ai proprietari tutto con soldi pubblici, ma chi ne ha tratto vantaggio da ciò è solo un privato. Avessero almeno ricavato un euro al comune per non continuare ad aumentare le tasse comunali e metterà a posto i conti, invece servizi sempre peggiori, non più parcheggio, ne posti lavoro, ne vista a mare, spiaggia occupata in buona parte dal cemento, fiume deviato.
    Se il mio amministratore di condominio alienasse la nostra spiaggia, i nostri posti macchina, i nostri accessi al mare, i sottosuoli, le superfici, ci rempisse la vista e il paesaggio di mostri e grattacieli di cemento, usasse i nostri soldi per fare la piazza al servizio di colui che ci ha tolto tutto ciò, ed alla fine ci dicesse che il condominio, dopo aver alienato tutte le proprietà, che prima aveva i conti in attivo ed tanto patrimonio immobiliare condominiale, finisce per avere pure i conti in rosso e ci quadruplica le quote condominiali nel suo mandato, io lo potrei almeno mandare davanti al giudice per bancarotta fraudolenta di un condominio, abuso di mandato, raggiro, truffa e dilapidazione di patrimonio dei rappresentati

  7. Bilancio rosso fuoco dalla vergogna ed intanto gli alberi che non bruciano per gli incendi,li bruciano i delukisti facendoli abbattere a vantaggio del prenditore crescent ex marzotto.

    Notizia del giorno
    Bilancio comunale? Rosso fuoco, dalla vergogna!
    La notizia del giorno
    “I generosi salernitani che già hanno regalato ad un prenditore privato straniero la più costosa pregiata ambita zona demaniale con spiaggia e mare e veduta sulle due costiere, provvedendo a spese loro ad acquisto espropri risarcimenti per perdita avvimento attività private e mancati futuri guadagni, abbattimenti di albergo attività private import exporto, grossisti nautici ed accessori, cantieri nautici, grossisti materiali edili, grossisti materiali lignei, rinuciando a centinaia di posti di lavoro storici, abbattimento e distruzione di parco pubblico istituto scuola nautica pubblica parcheggio pubblico economico, tutto con le loro tasse, insistono a regalargli a sto privato straniero anche 8.000.0000 più 22.000.000 più per ultimo altri 2,000.000 per costruirgli il tetto piazza al suo iperlussuoso condominio privato.”

    Lo stesso prenditore privato che sta facendo i grattacieli in prima linea sul lungomare nella speculazione ex marzotto.

    Come è bello costatare come anche la natura si adatta alle necessità del progetto speculativo per massimizzare il guadagno.

    Vi erano sui due lati della strada a partire dalla torre angellara fino alla Regione due file di alberi ormai secolari ad abbellire quella via orbene sono tutte là, tutte sane, ma quelle che finivano sul progetto speculativo riducendone il guadagno hanno pensato bene di ammalarsi, così tanto, da dover essere abbattute per poi speculare pure sul loro legno.
    È proprio una curiosità biologica, una sera degli operai si aggiravano con delle lattine intorno agli alberi e poi si è scoperto che si erano irrimediabilmente ammalate le piante.
    Una malattia che stranamente ha coinvolto solo le piante che davano fastidio all’attuazione del progetto, ne quelle prima , davanti all’hotel mediterraneo, ne quelle dopo dal novo hotel in poi, ne quelle di fronte lato finanzieri, solo le piante che ostruivono il proggetto limitandone il profitto.
    Che dire invece del fatto che nessuna bonifica dell’amianto è stata fatta in quell’area prima degli abbattimenti, eppure è storia, ed io lo so perché una mia lontana zia ne è morta 25 anni dopo averci smesso di lavorare alla Marzotto ed a tanti di loro è stata riconosciuta la esposizione ad amianto, in quell’epoca perfino i tubi dell’acqua, gli isolamenti termici ed acustici, le impermeabilizzazione ed gli impianti termici ed industriali elettrici facevano grande uso di amianto.
    Ebbene hanno abbattuto tutto con grande diffusione di micropolveri e microfibre, con appena degli schizzi di acqua per fingere di ridurre l’innalzamento e diffusione di dette polveri e fibre, che comunque quando si è asciugata l’acqua ed gli operai se ne sono andati il vento ha portato in giro in parte, mentre la restante continua a essere inglobata in cemento manufatti terreni fondamenta terra e strutture e respirata da operai e cittadini.

    È noi paghiamo è rimaniamo tari multe disservizi per regalare agli amichetti ed ai parassiti delukisti tutti.

    È vi è perfino chi si fa prendere in giro da anni che la prossima volta sarà il suo turno per risolvere il suo problema, non vi preoccupate c’è sempre qualcuno prima di voi, ed intanto stanno sfasciando e regalando tutto nel sacco di Salerno delukistiko.

  8. Nessuno può essere peggio di una testa di legno delukistika e di chi sta con loro.

  9. X saggezza popolare 13 Agosto 2021 at 12:47

    Argomenti proprio niente voi delukisti? Credete di aver trovato il nuovo Mussolini nel vostro duce? Ma guardate che non vi siete accorti che per la sua età ormai è più vicino a piazzale Loreto che alla marcia su Roma.

    A voi un po’ di acqua vi può arrivare, per resistere pochi anni, solo con i soldi europei da sottrarre ai salernitani e regalare agli amichetti del carrozzone straniero che si sta mangiando Salerno.

    Insomma argomenti per votare delukaschenko o sua testa di legno proprio non ne avete?

    I delukisti, come il loro duce, vuoto spinto ed olio di ricino, non hanno niente da dare a nessuno, sanno solo togliere.

  10. Si si dite scrivete tutti così.. poi il 4 ottobre tutti a votare il sopranos….vi vendete per poco..

  11. ecco un altro che ha tutte le soluzioni a portata di mano e sentenzia su tutto, ha sempre previsto tutto ma lo dice solo quando accade qualcosa.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.