Mazzette in cambio di appalti a Salerno: 29 indagati, arrestato Nino Savastano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
54
Stampa
Mazzette e appalti: blitz questa mattina degli uomini della Squadra Mobile a Salerno, nell’ambito di una delicata inchiesta, iniziata due anni fa, condotta dalla locale Procura della Repubblica. Nel mirino reati contro la pubblica amministrazione e manipolazione di appalti pubblici per la gestione e manutenzione del patrimonio cittadino. In tutto 29 gli indagati, compresi presidenti di società cooperative sociali e pubblici ufficiali: dieci le ordinanze di custodia cautelare disposte dal gip del Tribunale di Salerno. Agli arresti domiciliari è finito anche il consigliere regionale di Campania Libera Nino Savastano, ex assessore alle Politiche Sociali del Comune di Salerno durante la precedente giunta del sindaco Vincenzo Napoli. Gli indagati devono rispondere, a vario titolo, per associazione a delinquere, turbata libertà degli incanti e della scelta del contraente, induzione indebita a dare e promettere utilità, corruzione.

ANCHE IL SINDACO DI SALERNO INDAGATO. C’è anche il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli tra i 29 indagati nell’inchiesta coordinata dalla Procura di Salerno. Il primo cittadino, che è stato riconfermato alla guida della città lunedì scorso con il 57% (era sostenuto da una coalizione civica di centrosinistra), risulta indagato per fatti risalenti alla precedente Amministrazione.

Con lui risultano coinvolti anche un dirigente del Comune e un ex presidente di una società partecipata dell’Ente. Le indagini effettuate dalla Squadra Mobile di Salerno e coordinate dalla Procura di Salerno, hanno portato all’emissione di dieci misure cautelari (una in carcere, 2 ai domiciliari e 7 divieti di dimora), una delle quali ha colpito l’ex assessore e attuale consigliere regionale della Campania, Giovanni (Nino) Savastano.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

54 COMMENTI

  1. Finirà tutto in prescrizione…come sempre. Rassegnatevi!

  2. il pesce puzza dalla testa figuriamoci la coda e le lische…….con quella fame se indagano sul comune di salerno non li mettono solo in cella ma saldano anche le serrature delle chiavi…..ladri-ladri-ladri.

  3. X Armando lavv Sarno difende le coop coinvolte xcke è un penalista sai cosa significa Enza dove sei ti sei trasferita in Libia ?

  4. A piazza della Liberta’….tutti……fateli sfilare a sti manigoldi…..vi siete mangiati tutto….

  5. non vedra’ le luci d’artista…..si accontentera’ delle luci della stanza….tic tac …tic tac

  6. Enza da Pastena mo che dice? un Avanti a carrarmato lo rivolgo io alla magistratura!!!
    Rompiamo il cerchio magico di questi banditi!!!

  7. Sono solo indagati. Può finire anche con un assoluzione o proscioglimento. In ogni caso è solo questione di tempo per il Comune di Salerno. Lo dicono i dati: il sindaco è passato dal 70% al 57%. Papino cercherà di piazzare Robertino come candidato sindaco nel 2026 dopo una carriera di assessore(a breve la giunta con lui…..c’è da scommetterci).

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.