Barone: “Il sindaco deve dimettersi, la città ora ha bisogno di chiarezza”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
La leader dell’opposizione Elisabetta Barone e la sua coalizione in piazza, con un sit in simbolico, non solo per esprimere solidarietà ai dipendenti delle cooperative sociali, bloccati ormai da diversi giorni ma anche per dimostrare vicinanza alla stampa: da martedì, infatti, ai giornalisti è impedito l’accesso a Palazzo di Città senza una valida motivazione. Sotto Palazzo Guerra i manifestanti hanno chiesto a gran voce le dimissioni del sindaco. Lo scrive Le Cronache

 “Siamo indignati proprio da questo atteggiamento di chiusura nei confronti della città, la casa comunale è la casa di tutti i cittadini e riteniamo assolutamente indecoroso che sia stato impedito alla stampa di partecipare il giorno dell’insediamento della giunta e porre domande al sindaco sul perché di questa giunta, gli obiettivi, le finalità che questa giunta intendeva assumere.

Questo perchè tutti i cittadini hanno diritto di essere informati, abbiamo ritenuto – attraverso questo gesto simbolico – manifestare il nostro dissenso rispetto a questa chiusura nei confronti dell’informazione. Rilevo, per altro, che il sindaco ha delegato l’assessorato alla Sicurezza e alla Trasparenza, è insolita questa delega visto che il controllore è anche controllato; viceversa, la tradizione ci insegna che normalmente la commissione trasparenza viene assegnata all’opposizione che ha il compito di informare la città e di agire in ordine alla trasparenza dell’amministrazione.

“Tutta la coalizione – dice la Barone –  ha presentato un esposto in procura chiedendo, da una parte, la possibilità di velocizzare le operazioni della commissione elettorale perché in questo  momento abbiamo una nuova giunta che amministra la città ma non c’è un consiglio comunale; pensiamo sia importante velocizzare.

Nell’esposto indirizzato sia al presidente della commissione elettorale, al prefetto e alla magistratura chiediamo di verificare l’opportunità di una commissione d’accesso e di verificare se sia un dato corretto rispetto alla norma il fatto di avere più voti che votanti”.

Poi la Barone aggiunge: “Noi vorremmo che il sindaco, in un momento in cui la città è inquieta, desse spiegazioni, in modo da consentire ai cittadini di comprendere quello che sta accadendo perché non abbiamo il risultato delle indagini giudiziarie che sono giustamente secretate e, d’altra parte, la magistratura fa il suo corso e, nel contempo, lo fa la politica; al sindaco non si chiede di dire una parola sul lavoro della magistratura ma di assumere una responsabilità nei confronti della città e dei cittadini visto che li rappresenta tutti.

Siamo in attesa di comprendere cosa sta accadendo e non abbiamo voglia di aspettare che sia la magistratura a dare risposte, abbiamo bisogno di risposte politiche in questo momento, rispetto alla questione delle cooperative”.

Fonte Le Cronache

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Enza da Pastena dove sei? Di Caverna dove sei? e gli altri dove siete? USCITE FUORI E RISPONDETE A QUESTE DOMANDA: CI POSSONO ESSERE PIU’VOTI CHE VOTANTI?

  2. In classico “stile” De Luca che si e’ convinto che Salerno e’ la sua camera da pranzo, senza dover dare conto a nessuno.
    Quindi, a meno che non scattano le manette, qui non si dimettera’ proprio nessuno.
    Ma, ad ogni buon conto, questa Assise si è costituita con il sospetto di gravi irregoralita, sicuramente ancora tutte da dimostrare, ma la nota indagine giudiziaria, inoltre, (in fase di approfondimento) che se sembra porti ad ulteriori gravi sviluppi, addensa ulteriori, inopportune ed imbarazzanti ombre sul futuro operato di una Amministrazione gia’ esautorata di legittimità morale ed autorevolezza politica.
    Farebbe bene il Prefetto, senza perdere e soprattutto senza far perdere tempo alla Città e ad i suoi Cittadini, sciogliere il Consiglio comunale ed indire nuove, libere e, soprattutto, libere elezioni in primavera.

  3. Allora se ci sono i presupposti che il sindaco vada via deve essere mandato via. Se ci sono negligenze anche in questo, dovrebbe pagare anche chi non controlla.
    Secondo me il processo lo faranno in futuro, magari passeranno tanti anni, e verranno condannati quando oramai gli incarichi saranno finiti.
    In questa città ognuno fà quello che vuole dal sindaco al “disgraziato”.
    Non voglio offendere nessuno, ma quando non esiste un controllo che faccia rispettare le regole, c’è l’anarchia, e se allora siamo in anarchia, un sindaco non ci serve.

  4. La chiarezza chi la deve dare loro o siano che difende ora loro state zitti che fate più bella figura

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.