Bonus caldaia 2021, sconto del 65% senza limiti Isee: i requisiti e come fare domanda

Stampa
Tra i tanti bonus per la casa c’è anche quello diretto alla sostituzione della caldaia con una di classe più efficiente. La detrazione è fino al 65% per un massimo di 30.000 euro per unità immobiliare

Un tecnico abilitato deve rilasciare la certificazione prima e dopo i lavori che dimostri che tutti i requisiti sono stati rispettato e che trasmetta all’ENEA la scheda degli interventi realizzati

L’agevolazione con detrazione IRPEF del 65% si può ottenere per le spese effettuate dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021 solo nel caso di sostituzione dell’impianto di riscaldamento con una caldaia a condensazione di classe A o superiore, con contestuale installazione dei sistemi di termoregolazione appartenenti alle classi V, VI oppure VIII

L’Agenzia delle Entrate scalerà dalle tasse, in 10 rate annuali, l’importo detratto del 65% della spesa. Per esempio su un acquisto da 10.000 euro, il 65% corrisponderà a 6.500 euro che verranno restituiti detraendo 650 euro all’anno d’imposte

È esclusa dall’agevolazione la trasformazione dell’impianto di climatizzazione invernale da centralizzato a individuale o autonomo

Se si vuole cambiare la caldaia con una più efficiente a livello energetico, di classe A, ma non si intende aggiungere anche un sistema evoluto di termoregolazione, si può ottenere una detrazione al 50%

Nella detrazione rientra anche l’acquisto di una stufa a pellet, un sistema di riscaldamento che utilizza materiali combustibili ecologici. L’agevolazione, a seconda si rientri nel bonus ristrutturazioni o nell’ecobonus, offre una detrazione rispettivamente del 50% o del 65%

Per ottenere l’agevolazione il pagamento deve essere tracciabile, ovvero fatto con sistemi di pagamento elettronici, si deve conservare la documentazione e la richiesta del bonus deve essere fatta entro 90 giorni dal termine dell’intervento

La detrazione spetta a: proprietari o nudi proprietari; titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie); locatari (affittuari) o comodatari. Non sono previsti limiti Isee

La documentazione raccolta, compresa di bonifici, fatture, asseverazioni a firma del tecnico incaricato, andrà poi consegnata al proprio consulente fiscale/caf entro la data di presentazione della dichiarazione dei redditi

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.