Crisi Salernitana. Ai tifosi non è piaciuto l’atteggiamento di Colantuono

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
Fragile, spaventata, abbandonata da tutti, fuorchè dai suoi tifosi, anche ieri presenti in 12 mila. La Salernitana perde lo scontro diretto con la Sampdoria e non c’è nessuno a tirare su il morale alla truppa, attesa venerdì da un match fondamentale in casa del Cagliari, al quale forse dovrà presentarsi senza il suo giocatore più rappresentativo, Ribery, uscito dal campo dolorante.

I co-patron si sono talmente eclissati, da dimenticarsi pure di esprimere la loro solidarietà ai tifosi salernitani accoltellati da delinquenti di fede laziale. A parte le foto datate sul web, Isgrò e Bertoli a Salerno non si sono mai visti, figurarsi ora che hanno concesso altri 20 giorni di proroga per la cessione della società senza fornire chiarimenti convincenti. Il generale Marchetti si è ben guardato dal presentarsi all’Arechi: dopo aver dato il benservito a Castori (che non era di certo l’unico colpevole del disastroso avvio di stagione), di lui si sono perse le tracce. Fabiani ha lasciato l’impianto prima del fischio d’inizio, forse stufo dei cori di cui ha finto di non essersi accorto in una recente uscita.

E Colantuono? Beh, lui ha seguito il finale del match steso in panchina, con le braccia conserte e le gambe accavallate, come se non fosse un suo problema che la Salernitana fosse sotto di due reti in uno scontro diretto per la salvezza, in una partita preparata per due settimane e gettata alle ortiche in tre minuti per strafalcioni commessi da calciatori inadeguati per la Serie A, senza uno straccio di reazione, senza l’ombra di un’impronta tattica data dal nuovo allenatore, senza un tiro decente da parte di un attaccante (tanto che l’occasione migliore capita a Ranieri, l’unico a metterci davvero l’anima). Caro Colantuono, non solo non ci convincono le risposte che ha fornito in conferenza stampa. Più che quello che dice, però, ci preoccupa quello che lei non dice, rispondendo a domande lecite con risposte pre-confezionate, anziché prendere posizione in maniera decisa, esponendosi magari. Da un tipo sanguigno come lei, almeno questo ce lo saremmo aspettato. E invece niente.

Se non se ne fosse accorto, le forniamo un memo: la Salernitana è ultima in classifica, sta retrocedendo in Serie B col peggior attacco e la peggior difesa della categoria, rischia di essere estromessa dal campionato se non verrà venduta nel prossimo mese e, se non arriverà una società solida in tempi strettissimi, difficilmente potrà effettuare i robusti interventi sul mercato di cui pure questa squadra ha assoluto bisogno.

P.s. da quando lei è tornato in panchina, la media punti dei granata è inferiore rispetto a quella fatta registrare dal suo predecessore. Ma lei, mi raccomando, eviti di mettere pressione alla squadra, torni sereno a stendersi in silenzio, con le braccia conserte e le gambe accavallate. Alla Salernitana ci penserà chi ci ha sempre pensato, i tifosi! Ieri, oggi, sempre…

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. E cosa doveva fare, fustigarsi nel campo, prendere a schiaffi i giocatori. Siete solo dei poveracci che non sanno cosa di re o cosa fare, buoni solo a criticare, e oggi ci troviamo se tutto va bene in serie b.

  2. Ma un’articolo contro il mammasantissima quando lo vogliamo fare? Mo la colpa di questo presepe è di Colantuono, RIDICOLI!

  3. Ma fatemi il piacere, metà squadra non sa stoppare una palla, l’altra metà non potrebbe manco fare il raccattapalle

  4. Allora insistete: con la Samp non era uno scontro diretto, perchè la Samp non è squadra invischiata nella lotta per la retrocessione, si trovava lì per caso, è una squadra di serie A,
    E fin quando ci sarà Lotito o meglio i suoi uomini ( Marchetti, Fabiani, Colantuono) non ne usciremo anzi non la venderà per prendersi i soldi del paracadute
    gnoccoloni.

  5. Ammazza che figurella. Lo scoramento ci sta, ma suvvia.
    1) è il proprio lavoro, ma si tratta sempre di un sport, non di una guerra
    2) proprio perché è il proprio lavoro, si deve rimanere professionisti
    3) non è ovviamente professionale stendersi
    4) le auguriamo di stendersi sereno a Cagliari ma dopo un 3-0 per noi.
    5) si inventi qualcosa di nuovo per riuscirci.
    Forza Colantuono, Forza Ragazzi ! Basta qualche punticino, poi a Gennaio cambia tutto 😉

  6. d’accordo con anonimo…meta squadra non sa stoppare una palla e l’altra metà lo fa a fatica… si salvano si e no in 2/3 ma cosa volete da Colantuono…. di sicuro abbiamo visto un calcio meno peggiore di castori… e poi un altro allenatore che fa ? Trasforma Di Tacchio in Iniesta e Simy in Suarez ?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.