Stampa
“Il gruppo Leonardo, controllato al 30% dal Mef, ha annunciato in modo unilaterale un periodo di cassa integrazione di 13 settimane, a partire dal prossimo 3 gennaio, per 3.443 dipendenti degli stabilimenti di Grottaglie, Pomigliano, Nola e Foggia; nei diversi impianti i lavoratori coinvolti saranno 1.174 per lo stabilimento di Pomigliano d’Arco, 430 per quello di Nola in provincia di Napoli, più’ 1.049 a Grottaglie in provincia di Taranto e 790 a Foggia”, si legge nell’interrogazione del Pd. “Le organizzazioni sindacali avevano già’ proclamato giornate di sciopero e iniziative di mobilitazione nei diversi siti e una manifestazione nazionale sotto la sede del Mise.

Oltre a denunciare le gravi ricadute sulle condizioni dei lavoratori in servizio, quello che desta una diffusa preoccupazione e’ il susseguirsi di iniziative e annunci da parte di Leonardo che sembrano puntare a un ridimensionamento del gruppo ed in particolare a una marginalizzazione dei siti produttivi del Mezzogiorno.

Va, inoltre, ricordato come le scelte assunte negli anni passati abbiano determinato una concentrazione delle produzioni militari, generalmente più’ redditizie, al nord, mentre quelle civili sono state indirizzate al sud. La circostanza che la divisione aerostrutture sia collocata quasi tutta al Sud raddoppia l’importanza di avere piani industriali forti e pluriennali e di garantire stabilità’ e occupazione.

Alla luce di tali evidenze appare necessaria l’immediata apertura di un confronto sul futuro dell’azienda, anche mediante la convocazione immediata di un tavolo istituzionale con le parti sociali.

Gli ammortizzatori sociali non potranno durare a lungo per cui appare non più’ rinviabile una strategia nazionale e una politica industriale per il settore, in grado di garantire rilancio e futuro per gli stabilimenti italiani e, in particolare, per quelli del Mezzogiorno”, concludono i deputati dem.

“Chiediamo ai ministri dello Sviluppo economico e dell’Economia quali urgenti iniziative intendano adottare, con il pieno coinvolgimento delle organizzazioni sindacali e degli enti territoriali interessati, per definire una specifica strategia industriale, indispensabile a garantire un rilancio delle produzioni e ad assicurare solide prospettive economiche ed occupazionali per i siti del Gruppo Leonardo e per la tenuta complessiva dell’azienda”.

Lo affermano il vicepresidente del gruppo dei deputati del Pd Piero De Luca e i deputati dem Bordo, Del Basso, De Caro, Lacarra, Pagano, Siani e Topo in un’interrogazione depositata oggi ai ministri Giorgetti e Franco.

2 COMMENTI

  1. Pierino, il raccomandato casertano, fa solo fumo ed ammuina per dare un senso alla sua presenza a Roma…….
    In realtà sta’ sempre a Salerno a fare comparsate, sopralluoghi inutili, innaugurazioni, etc.
    Il classico mangiapane a tradimento….
    Grazie a Papino, il Grande Bluff, ed a Renzi…..

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.