fbpx

Fonderie Pisano, secondo tavolo tecnico al Comune di Salerno

Stampa

“Oggi ho partecipato al secondo tavolo tecnico comunale che ha sul “banco degli imputati” le Fonderie Pisano quale “fonte di inquinamento” della valle dell’Irno come affermato anche dallo stesso presidente della commissione ambiente Arturo Iannelli.

Il “refrain” della delocalizzazione dell’opificio ha stancato i cittadini esasperati dai miasmi e dalle patologie respiratorie ed oncologiche: non è più sopportabile ascoltare (come succede da anni) la ricerca della stessa soluzione che – puntualmente – non arriva mai.
Ho stigmatizzato le affermazioni fatte dal responsabile della prevenzione dell’Asl Salerno in interviste agli organi di stampa.

Lo studio Spes, come illustrato dallo stesso rappresentante dell’istituto zooprofilattico, ha dimostrato l’inquinamento nella Valle dell’Irno da parte di alcune sostanze (cromo, nichel, mercurio e policlorofenili).

Alcune di esse sono riconducibili alla combustione di carbon-coke utilizzato dalla Fonderia e non confondibili con inquinamento da traffico e da uso di freni o di altre industrie che insistono nella zona. Inoltre, le dichiarazioni sulle sostanze cancerogene che, cito, “sarebbero limitate al solo fumo, radon e amianto” vengono smentite da migliaia di pubblicazioni scientifiche e di report dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, che dimostrano come polveri sottili particolari (PM10, PM2,5 e metalli pesanti) siano inquinanti tossici e cancerogeni.

Per rispondere a tali affermazioni ho fatto mettere agli atti una relazione di due luminari come Forestieri/Baggiani, noti a livello nazionale anche per gli studi sull’ILVA di Taranto, che hanno analizzato una perizia per il tribunale da poco prodotta e si sono espressi in modo incontrovertibile sulla correlazione tra le morti studiate e l’inquinamento.

Le Fonderie insistono in una zona della città che non ha più criteri urbanistici di zona industriale; il nuovo PUC ha individuato quella zona come residenziale/terziaria. Le Fonderie devono presentare il Piano Urbanistico Attuativo e se l’azienda non procederà, il Comune dovrà imporsi e presentare il PUA a loro spese. Mi impegnerò nelle commissioni competenti a perseguire questo percorso (insieme agli studi scientifici) per imboccare ogni strada possibile per consentire ai salernitani di respirare aria salubre”.

1 Commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Tempo perso, gli interessi contano più della salute dei cittadini e specialmente dei bambini

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com