Olio, burro e pasta sul podio dei rincari. La classifica

Stampa
In Italia il rincaro dei prodotti alimentari colpisce i consumatori e le famiglie. I prezzi dell’olio di semi aumentano del 69%, mentre quelli del burro salgono del 28%. I rincari della pasta sono invece pari a +23%. A fare i conti è uno studio Coldiretti, realizzato sulla base delle rilevazioni Istat sull’inflazione a giugno 2022 che ha raggiunto il record dal 1986

“A far segnare i maggiori rincari sono i prodotti di base dell’alimentazione delle famiglie, che subiscono gli effetti dell’aumento dei costi energetici e di produzione, alimentati dalla guerra in Ucraina, abbinati al caldo record e alla siccità”, sottolinea Coldiretti

“In cima alla classifica dei rincari ci sono gli oli di semi, soprattutto quello di girasole che risente del conflitto. Al secondo posto c’è il burro. Al terzo la pasta seguita dalla farina (+21%) proprio nel momento in cui nelle campagne si registrano speculazioni sul prezzo del grano”, prosegue l’associazione

Nella classifica Coldiretti, al quinto e sesto posto si collocano frutta e verdura con pomodori e pesche rincarati del 19%

A seguire la margarina (+17%) e le pere (+17%). I rincari a doppia cifra si registrano inoltre per la carne di pollo (+15,1%)

Secondo una stima dell’associazione, i rincari costeranno nel 2022 alle famiglie italiane oltre 8,1 miliardi di euro soltanto per la spesa alimentare

L’aumento dei costi colpisce anche l’intera filiera agroalimentare. Nelle campagne “più di un’azienda agricola su 10 (11%) è in una situazione così critica da portare alla cessazione dell’attività. Circa 1/3 del totale nazionale (30%) si trova costretta a lavorare in una condizione di reddito negativo. In agricoltura si registrano aumenti dei costi che vanno dal +170% dei concimi al +90% dei mangimi e al +129% per il gasolio”

“Occorre lavorare da subito per accordi di filiera tra imprese agricole e industriali con precisi obiettivi qualitativi e quantitativi e prezzi equi che non scendano mai sotto i costi di produzione come prevede la nuova legge di contrasto alle pratiche sleali e alle speculazioni”, afferma il presidente di Coldiretti Ettore Prandini

Istat ha sottolineato come l’aumento dei prezzi impoverisce i meno abbienti e tocca meno le fasce ricche. L’inflazione a giugno è salita all’8% ma per le fasce più deboli nel secondo trimestre è al 9,8%, per i più agiati è al 6,1%

Federconsumatori ha cominciato a osservare come cambiano le abitudini di spesa: diminuisce di oltre il 16% il consumo di carne e pesce, si scelgono verdure più convenienti, si ricorre alle offerte e ai banchi con i prodotti più vicini alla scadenza, si evita sempre più spesso di mangiare fuori casa

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.