Per il CdS il Palazzo Marchesale è del Comune di Camerota, gioia Sindaco

Stampa
Nel mezzo della stagione estiva Camerota si sveglia con la notizia più agognata: il Palazzo Marchesale, anche noto come il Castello di Marina, è dei camerotani. Lo ha deciso il Consiglio di Stato con la sentenza n. 7086/2022 pubblicata oggi.

E’ un giorno storico, da segnare in rosso sul calendario della nostra città – esordisce il sindaco Mario Salvatore Scarpitta -. Ho sognato tante volte questo momento, stanotte l’ultima. Abbiamo atteso tanti mesi questa pronuncia senza mai perdere la fiducia. Adesso comincia la vera sfida, far diventare il Palazzo Marchesale un simbolo per Camerota più di quanto già lo sia nella sua imponente fisicità“.

La pronuncia di secondo grado conferma quanto aveva già stabilito circa due anni fa il Tar Campania – Sezione Salerno, sancendo la correttezza dell’intero iter amministrativo che ha portato all’esercizio del diritto di prelazione. “La sequela di atti – si legge tra le altre cose nella sentenza dei giudici di Palazzo Spada – conferma la ritualità del perfezionamento della controversa acquisizione prelazionaria“.

E’ la prova del bene operare di una compagine politica che da qualche anno ormai ha avviato una rivoluzione amministrativa che presto vorremmo diventasse anche culturale – continua il sindaco – per questo ringrazio tutti quanti hanno speso forza, energia e competenze per un grande risultato. Complimenti a tutti e grazie all’avvocato Marco Sansone, che bene ha saputo ancora una volta difendere le ragioni dell’Ente che mi onoro di rappresentare“.

I

l Consiglio di Stato ha dunque messo la parola fine alla vicenda, sancendo un nuovo inizio per Camerota, per i suoi cittadini e per l’intero comprensorio. “Il Palazzo Marchesale diventerà ancora più centrale per la nostra cittadina e sarà nuova leva e acceleratore di entusiasmo, progetti e idee – afferma l’assessore Teresa Esposito -. Lavoreremo con ancora maggiore energia per dare al settore turistico, agli operatori e agli addetti ai lavori occasioni come questa, che rendono ancora più speciale un territorio baciato da Dio“.

Ero tra i banchi d’opposizione quando, con tanti amici, organizzavo iniziative per capire come fare a restituire ai cittadini di Camerota il nostro simbolo – conclude Scarpitta -. Da Sindaco non ho esitato un secondo ad esercitare la prelazione che ci spettava di diritto. Ricorderemo per sempre il 10 agosto 2022, è una data storica. Chiamerò subito il curatore fallimentare per gli adempimenti successivi, solleciteremo il Tribunale e Camerota avrà presto un progetto degno del suo simbolo diventato finalmente di tutti“.

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.