Inflazione, rincari sul cibo da 564 euro a famiglia. A luglio verdura +12,2%, frutta +8,8%

Stampa
Le famiglie italiane quest’anno spenderanno 564 euro in più solo per la spesa alimentare, a causa dell’inflazione e delle conseguenze combinate dell’aumento dei costi energetici per la guerra in Ucraina e del taglio dei raccolti per la siccità

GLI AUMENTI DI LUGLIO – A tirare le somme, in occasione della diffusione dei nuovi dati Istat sull’inflazione a luglio, è Coldiretti. Lo scorso mese i beni alimentari e le bevande analcoliche hanno segnato un +10% su base annua. Non si registravano aumenti così marcati da settembre 1984

vegetali, freschi o refrigerati, su base annua hanno registrato un +12,2%, anche a causa della scarsità di prodotti dovuta al caldo record che, sottolinea Coldiretti, ha favorito le speculazioni. Come nel caso dell’uva da tavola in Puglia, pagata agli agricoltori 0,50 euro al chilo per poi essere venduta al supermercato a cifre fino a 4 euro. La frutta, fresca o refrigerata, è aumentata invece dell’8,8% in un anno

LA SPESA ANNUALE – La categoria per cui gli italiani spenderanno di più è però quella che comprende pane, pasta e riso, con gli aumenti che peseranno per 115 euro in più rispetto al 2021

Seguono carni e salumi (+98 euro), le verdure (+81 euro) e il latte, i formaggi e le uova (+71 euro)

Per il pesce si spenderanno invece 49 euro in più rispetto allo scorso anno

LA FILIERA AGROALIMENTARE – Mentre i prezzi per le famiglie crescono, l’aumento dei costi colpisce anche l’intera filiera agroalimentare, a partire dalle campagne. Qui, denuncia Coldiretti, più di un’azienda agricola su 10 (13%) è in una situazione così critica da guardare alla cessazione dell’attività

Secondo le stime del Crea (Consiglio per la ricerca agricola e l’economia agraria), buona parte delle aziende nazionali (34%), anche se non costrette a chiudere, si ritrova al momento a lavorare in una condizione di reddito negativo per effetto dei rincari

In agricoltura si registrano infatti aumenti dei costi che vanno dal +170% dei concimi al +90% dei mangimi e al +129% per il gasolio

Il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini, lancia un appello per la firma di “accordi di filiera tra imprese agricole e industriali”, che vadano a fissare anche “prezzi equi che non scendano mai sotto i costi di produzione, come prevede la nuova legge di contrasto alle pratiche sleali e alle speculazioni”. Nell’immediato, aggiunge, bisogna intervenire per contenere il costo dell’energia e i costi di produzione “con misure immediate”, anche attraverso la “defiscalizzazione del costo del lavoro”, già proposta da Coldiretti

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.