Laura Pausini non intona Bella Ciao “E’ canzone molto politica”

Stampa
Laura Pausini al centro delle polemiche per il suo no a intonare, durante un’ospitata a El Hormiguero, un popolare quiz della tv spagnola, Bella Ciao, l’inno della Resistenza partigiana e della lotta al fascismo molto conosciuto anche in Spagna grazie alla serie La Casa di Carta.

“E’ una canzone molto politica e io non voglio cantare canzoni politiche”, ha obiettato la cantante che per questo è stata sommersa dalle critiche sui social, tra un “ti dovresti vergognare” e “”Bella ciao “per sempre!!!” “Se considera Bella Ciao come una canzone politica, intesa come di parte, essendo esclusivamente antifascista e antinazista ma di tutte le parti politiche che presero parte alla Resistenza dai comunisti ai cattolici ai liberali, le consiglio un ripasso delle basi della Costituzione italiana”, scrive un fan su Facebook.

Un altro continua: “Mi ha fatto vergognare, con il suo rifiuto a cantare Bella Ciao.

Vuol dire non conoscere le radici della sua terra. La canzone ha una storia e una prima versione che era il canto delle mondine, sfruttate e maltrattate. Bella Ciao è il canto che da la voce agli oppressi. Ha perso una buona occasione peccato”.
Qualcuno invece è pronto a difenderla: “finalmente un’artista con un po’ di carattere”.

17 Commenti

Clicca qui per commentare

  • Poverina. Non cantarla è un atto politico esattamente come non cantarla. “Bella Ciao” è una canzone partigiana, comune a tutti gli antifascisti. Se non la canti non sei antifascista e se non sei antifascista, sei fascista.

  • Grande Gino di Tacchio, volevo dire lo stesso!

    povera fascistella senza cervello..canta canta, quello puoi fare, el al hormiguero stai propio bene, il programma piú sessista di tutta la tv spagnola,,,con quel viscido di Pablo Moto…VERGOGNATI

  • Non ha celebrato Maradona come sportivo perchè si drogava(la signora forse non sa che nello star System la maggioranza dei personaggi usa coca)…… ora ritiene politico il canto dei partigiani…… Onestamente per me è inesistente come cantante( strilla lagnandosi), e culturalmente vale lo stesso.

  • La canzone è comunista … stessa merda del fascismo! Pertanto non cantarla gli fa onere! Che tristezza che ad oggi si parli ancora della preistoria!

  • SIamo nel 2022. Io non sono antifascista e non la canto. Non sono antifascista perchè non esiste il fascismo. Il regime è finito nel 1945. Svegliaaa

  • La precisazione di un disinformato non è una precisazione valida. Prima di commentare, informati

  • Non c’è miglior sordo di chi non vuol sentire, non c’è miglior incapace di chi non vuol capire … o peggio fa finta di non capire! La merda puzza tutta alla stessa maniera! Studia la storia e poi forse capirai, sempre se ci riesci! Altrimenti…amen

  • L’attribuire ad una cantante un retropensiero ideologico di matrice fascista per il solo fatto di non aver cantato una canzone (per lo più di indubbio gusto) era già di per se una follia! Non riconosce che la suddetta canzone sia stato nel corso degli anni un inno politico è ancora più aberrante!

  • Il problema degli ignoranti è che non sanno rispondere nel merito e fanno specchio riflesso come i bambini dell’asilo.

  • Nessuno le ha attribuito alcunché, al massimo si è pensato che è una persona che per interesse personale intende rimanere fuori da discorsi di politica. Magari ha un pubblico poco impegnato e non vuole mettersi a cantare niente che non riguardi Marco che se n’è andato via e cose così.

    Non è che Bella Ciao, di suo, è una canzone politica: dovrebbe essere una canzone di tutti, giacché la resistenza l’hanno fatta persone di sinistra, cattolici e liberali. Si vede che qualcuno tra chi commenta non fa parte di queste tre categorie, presumo che sia questo pattume che va dietro a un truzzo come Orban e che vincerà le elezioni per poi cadere rovinosamente alle prime decisioni serie da prendere.

  • A lavare la testa ai ciucci si perde l’acqua è il sapone …e aggiungo pure molto tempo! Pertanto…mi sono rotto di perdere tempo!

  • due paroline al contestatore serale e seriale delle opinioni altrui….due paroline per chi tra le righe si permette di sminuire una cantate perché forse non così brava come i cantautori di sinistra …per chi considera Bella Ciao come l’inno d’Italia cantato alle feste dell’unità, nei congressi della CGIL…due paroline a chi Orban gli fa un baffo..,, due paroline a chi vergente conosce già le sorti dell’Italia…due paroline al comunista che che c’è in te …,fai pace con te stesso, ma soprattutto Non rompere!

  • Ma chi sminuisce nessuno, è stato solo detto che non è una cantante impegnata, non che non sappia cantare o che canti peggio di altri: se piace a te, per me non c’è nessun problema, non mi pare che ci sia il divieto di acquistare i dischi della Pausini. E’ stato anche detto che forse ha un pubblico uguale a lei. Non vedo cosa ci sia di strano: esistono cantanti e cantanti, ognuno sceglie (per fortuna) di ascoltare chi gli pare e di inviare i messaggi che gli pare.

    Quanto alla CGIL e l’Unità, ma cosa cavolo c’entra? Pure Madonna ha cantato Bella Ciao! 😀

  • Bella ciao, canzoncella demenziale per bambini dello zecchino d’oro o al massimo una filastrocca per l’asilo.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.