Bonus Imu 2022 per imprese turistiche e agriturismi: ecco come fare domanda

Stampa
Fino al 28 febbraio 2023 le imprese del settore turistico possono fare domanda per ricevere un credito d’imposta del 50% per l’Imu versata a titoli di seconda rata dell’anno 2021. Il contenuto dell’autodichiarazione da presentare per certificare il possesso dei requisiti richiesti per usufruire del bonus è stato definito dall’Agenzia delle Entrate. Ecco cosa serve sapere

I BENEFICIARI – I potenziali beneficiari del bonus Imu sono le imprese che operano nel settore turistico-ricettivo, quelle che gestiscono strutture ricettive all’aria aperta, quelle del comparto fieristico e congressuale, gli agriturismi, i complessi termali e i parchi tematici, compresi i parchi acquatici e faunistici. Gli immobili devono rientrare nella categoria catastale D/2

Per poter usufruire del credito d’imposta i proprietari delle imprese devono però risultare anche gestori delle attività esercitate. C’è poi un requisito che riguarda il fatturato: i contribuenti, specifica il Fisco, “devono aver subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi nel secondo trimestre del 2021 di almeno il 50% rispetto al secondo trimestre del 2019

Il credito è valido anche per l’imposta immobiliare semplice della provincia autonoma di Trento e dell’imposta municipale immobiliare della provincia autonoma di Bolzano, sempre per gli immobili rientranti nella categoria catastale D/2 adibiti ad attività turistico-ricettiva

COME FRUIRE DEL BONUS – Gli interessati dovranno presentare un’autodichiarazione all’Agenzia delle Entrate, utilizzando l’apposito modello predisposto, per attestare il possesso dei requisiti e il rispetto delle condizioni e dei limiti indicati nella Comunicazione della Commissione europea “Temporary Framework”

LE TEMPISTICHE – Entro 5 giorni dall’invio della domanda e dell’autodichiarazione, l’Agenzia rilascerà una ricevuta di presa in carico o ne comunicherà lo scarto, indicandone le motivazioni

Entro 10 giorni dall’invio, invece, l’Agenzia rilascerà una seconda ricevuta per comunicare ai richiedenti il riconoscimento – o il mancato riconoscimento – del credito d’imposta, ad esempio nel caso in cui il richiedente non sia titolare di una partita Iva attiva alla data di entrata in vigore del Dl n. 21/2022, requisito richiesto per poter accedere ai fondi stanziati. Una volta ricevuto l’ok, a partire dal giorno successivo il contribuente potrà utilizzare il credito d’imposta in compensazione tramite modello F24

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.