Articolo 434 bis sui rave illegali, i dubbi che possa essere esteso a ogni raduno

Stampa
Il nuovo decreto contro i rave party emanato dal governo dietro proposta del ministro dell’Interno Matteo Piantedosi ha innescato numerose polemiche. L’opposizione ha puntato il dito contro la norma, che introduce una nuova fattispecie di reato, descrivendola come “liberticida e fascista”, avente nulla a che fare con i rave ma “pericolosa” per la libertà di protestare ed esprimere dissenso.

“Il governo ritiri il primo comma dell’articolo 434bis di riforma del Codice Penale. È un gravissimo errore. I rave non c’entrano nulla con una norma simile. È la libertà dei cittadini che così viene messa in discussione”, ha scritto sui social Enrico Letta, segretario del Partito democratico.

“Meloni abusa della decretazione d’urgenza e introduce una nuova fattispecie penale per ‘dare un segnale’ contro i Rave party. Leggendo la norma si scopre essere molto più generica, applicabile nei casi più disparati e con grande discrezionalità. È inaccettabile e pericolosa”, gli fa eco Riccardo Magi, deputato di +Europa.

Per Debora Serracchiani, capogruppo dem alla Camera, si tratta di “una norma che limita la libertà di riunione e che nulla c’entra con i rave, per i quali le norme già esistono e vanno applicate”. E ancora: “Il nuovo reato è un obbrobrio giuridico ed è lesivo dei principi costituzionali, a cominciare dallo strumento del decreto legge. Per di più la fattispecie è così generica da poter essere applicata a qualsiasi mobilitazione dei cittadini e la pena è così elevata da consentire il ricorso alle intercettazioni. (…) È chiaro il messaggio che la destra al governo dà al Paese: non tollereremo il dissenso. Tutto ciò è molto grave e in Parlamento daremo battaglia contro questa inaccettabile deriva da Stato di polizia. La norma va ritirata”.

Per il co-portavoce di Europa Verde, Angelo Bonelli, si tratta di una norma “liberticida e fascista” che non c’entra nulla con i rave party, m sarà usata per reprimere manifestazioni di protesta, dalle occupazioni di scuole e università a quelle dei territori inquinati come forma di protesta ambientalista. “Sono norme che ricordano la Russia di Putin a partire dalla Legge federale sui raduni del 2004, e 13 successivi emendamenti per rendere ormai quasi impossibile esercitare il diritto di protesta pacifica in Russia. Ma per Meloni e Piantedosi le manifestazioni dei fascisti sono tollerabili (Predappio alcuni giorni fa)”, scrive ancora Bonelli sui social.

Anche Amnesty Italia è intervenuta sull’argomento: “Il decreto rave party, che introduce il nuovo articolo 434 bis del codice penale, rischia di avere un’applicazione ampia, discrezionale e arbitraria a scapito del diritto di protesta pacifica, che va tutelato e non stroncato”, scrive l’organizzazione su Twitter.

Il leader della Lega Matteo Salvini, che nei giorni scorsi si era più volte espresso in favore di una norma di questo tipo, scrivendo frasi come “La pacchi è finita” sui social, ora ha commentato: “Un Pd ormai in confusione totale difende illegalità e Rave party abusivi, chiedendo al governo di cambiare idea. No! Indietro non si torna, le leggi finalmente si rispettano”.

fonte FanPage.it

 

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.