23 novembre, 42 anni fa il terremoto che distrusse la Campania. Oggi la paura è l’allerta meteo

Stampa
Per quelli che non c’erano: 42 anni fa, il 23 novembre del 1980, ce la vedemmo brutta. Nel bel mezzo della sintesi della partita di serie A – il massimo che ci potevamo permettere in un’epoca in cui il calcio non era ancora merce da pay-tv – il buio improvviso, un assordante boato e i palazzi che dondolando quasi si toccavano. Alla fine della fine del mondo – un minuto e mezzo, ma sembrò eterno – ci ritrovammo per strada. Miracolati, ad abbracciarci tra noi. Poi sapemmo che altrove era andata molto peggio per tante persone, uccise da un sisma devastante. Certo, non eravamo preparati per affrontare cataclismi. Oggi si, oggi abbiamo uomini, mezzi, piani di prevenzione, abbiamo la Protezione Civile ma poi certi eventi climatici, di tanto in tanto, ci riportano coi piedi per terra e ci ricordano che la natura è imprevedibile e spesso incontenibile: quando si scatena, in mille forme che vanno dai terremoti ai maremoti, dai cicloni alle bombe d’acqua c’è poco da fare. O, quantomeno, c’è poco da fare dopo. Tutto quel che si può, anzi, che si deve fare va fatto prima. Ci sono dei lavori – assolutamente fondamentali per il bene della collettività – parliamo delle cosiddette “opere invisibili”, ovvero grandi interventi e piccole, ma costanti manutenzioni che non rubano l’occhio né catturano consensi popolari proprio perché non si vedono. Lavori sotterranei che potrebbero, dovrebbero scongiurare disastri, alluvioni, ruscellamenti, allagamenti, che dovrebbero arginare i problemi causati dalle piogge torrenziali. Se, ogni volta che la butta giù di brutto, siamo poi costretti a far la conta dei danni, allora è probabile che non tutto sia stato fatto a regola d’arte. L’allerta Meteo ormai ci fa sobbalzare, ci spaventa. E non va bene, stiamo per entrare nel 2023, mica nel 1981?

1 Commento

Clicca qui per commentare

  • Io c’ero e avevo 10 anni,me lo ricordo benissimo,e alla TV non era una sintesi,se non ricordo male,ma stava giocando l inter credo di ricordare.
    Ovviamente,non capii nulla all epoca,oggi ho quasi pianto ricordando quegli istanti terribili,e i giorni e gli anni successivi,compreso tante persone che non sono più tra noi,dipartite dopo nel corso degli anni fino ad oggi ( genitori compresi),con cui si condivise di tutto….in stile COVID primi 5 GG.
    Con la differenza che con il sisma dell’ 80 si è condiviso molto di più e x moltissimi anni.compreso tante nuove conoscenze,di persone che arrivavano da altri paesi limitrofi,per occupare il PREFABBRICATO che gli era stato assegnato.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.