Salernitana: la strada per la risalita è ancora piena di ostacoli. Gregucci ha tanta fantasia ma poca sostanza

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Salernitana_Barletta_GustavoUn timido passo indietro, soprattutto dal punto di vista del risultato ma anche del gioco espresso, ed uno in avanti verso la costruzione di un’identità di squadra, compatta, pronta a lottare su ogni pallone, concentrata ed in grado di far male agli avversari in fase offensiva.

 

La Salernitana di Gregucci a L’Aquila non convince del tutto e si concede troppe pause nel corso del match. E’ positivo il fatto che per la seconda settimana di fila il trainer granata schieri i suoi ragazzi con lo stesso modulo, così da non confondergli le idee, e che in campo i ruoli siano ben definiti, per evitare inutili sballottolamenti da una parte all’altra.

 

Ad esempio, il fatto che Foggia abbia giocato anche al Fattori da esterno alto a destra tra le mezze punte a sostegno del centravanti gli ha dato la possibilità di riprendere confidenza col ruolo, ma chiaramente da lui ci si aspetta molto di più.

 

Allo stesso tempo, da Gregucci è lecito aspettarsi una lettura più rapida delle situazioni: visto che in panchina ogni settimana andranno ad accomodarsi giocatori in grado di dire la loro, se qualcuno stecca (come è successo a Mancini sabato scorso) è giusto chiamare in causa qualcuno che pure partendo dalla panchina può far cambiare passo alla squadra, come sono riusciti a fare solo a sprazzi Ampuero e Fofana (non solo negli ultimi 5 minuti della gara, come è toccato in sorte a Mounard).

 

Un nodo da risolvere riguarda la punta centrale: Mendicino si sta impegnando, ma è un “adattato” e soffre quando deve fare il lavoro sporco spalle alla porta. Per questo motivo è estremamente importante recuperare il vero Ginestra (sta lavorando per essere pronto in tempo utile per Viareggio e per dare una mano nei play off), che in un modulo del genere può diventare devastante (se è in condizione di fare il suo gioco, approfittando anche dei palloni che finalmente stanno arrivando dal fondo).

 

Allo stesso tempo, bisogna riconoscere che in fase di non possesso non tutto è filato liscio, a causa dell’atteggiamento pigro di alcuni elementi, che hanno messo in difficoltà i centrocampisti e gli esterni di difesa.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.