Scambio embrioni, Filomena Gallo. “E’ Diritto genitori biologici la restituzione dei figli”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
embrioni_salerno_scambio_analisi_medici_virus I genitori biologici dei gemelli ”hanno diritto a chiedere la restituzione dei figli”. E’ la tesi sostenuta da Filomena Gallo, segretario dell’Associazione Coscioni, in merito al caso di scambio di embrioni all’Ospedale Pertini di Roma: ”L’ipotesi che ricorre – spiega Gallo – è quella di ‘sostituzione di neonato’ e secondo l’art. 240 del Codice civile l’azione di richiesta di restituzione del neonato, esperibile solo dopo la nascita, può essere esercitata da qualsiasi interessato e, quindi, anche dai genitori biologici”.

La legge 40 sulla procreazione medicalmente assistita, rileva Gallo, ”all’articolo 9 ‘Divieto del disconoscimento della paternità e dell’anonimato della madre’, prevede che i figli nati da eterologa non possano essere disconosciuti e non hanno alcun rapporto parentale con i donatori dei gameti”. E’ però ”bene precisare, ancora una volta – sottolinea – che il caso del Pertini non ha nulla a che vedere con una fecondazione di tipo eterologo: il caso di specie riguarda una coppia che è acceduta con i propri gameti alla fecondazione assistita per avere un figlio.

Quanto scaturito dallo scambio di embrioni esce dalle previsioni della legge 40. Alla luce di tutto ciò, alla nascita dei gemelli, sarà esperito quanto previsto dal nuovo articolo 240 del codice civile, il quale richiama il primo comma dell’art. 239. L’ipotesi che ricorre è appunto quella di ‘sostituzione di neonato”’. Tutto ciò, precisa Gallo, ”non sarebbe accaduto se il Centro di fecondazione assistita avesse rispettato tutte le procedure scientifiche e organizzative, come previsto dall’articolo 10 della legge 40, e se la Regione avesse fatto i controlli previsti”. Resta il ”dolore irreparabile delle due famiglie che potranno comunque accertare le responsabilità di chi ha sbagliato in sede giuridica. Volevano solo un figlio, ma la gioia di un parto e di una gravidanza – conclude – è stata sostituita da una angoscia profondissima, che merita rispetto e silenzio”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.