Fisco: Spesometro, scattano i controlli sopra i 3.600 euro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Agenzia_delle_EntrateOcchio alla spesa. Se nell’ultimo anno avete acquistato oggetti di valore, vi siete concessi vacanze di lusso, o magari una bella auto, e se al fisco avete dichiarato di percepire un reddito non congruo con il vostro reale tenore di vita, è giunto il momento della verità.

Il 22 aprile è la prima delle due date segnate sul calendario dell’Agenzia delle Entrate per l’utilizzo dello spesometro. Come ricordato dal Corriere della sera, i primi a finire sotto la lente di ingrandimento sono quelli che liquidano l’Iva ogni tre mesi, mentre il 30 aprile tocca agli operatori finanziari attraverso i quali passano i pagamenti per acquisti dai 3.600 euro in su effettuati con carta di credito e bancomat.

PRESTAZIONI RESE E RICEVUTE. Tutti sono obbligati a comunicare sia le prestazione rese sia quelle ricevute. I commercianti, devono rendere note tutte le vendite emesse con fattura. Nel caso di quelli che operano al dettaglio, lo spesometro scatta solo se le operazioni per le quali non c’è l’obbligo di fattura (ma documentate da scontrino o ricevuta fiscale) hanno un importo pari o superiore ai fatidici 3.600 euro, mentre sono esonerate le cessioni all’esportazione effettuate dalle imprese, le importazioni e gli acquisti intracomunitari che sono già soggetti ad altre rilevazioni da parte dell’anagrafe tributaria.

UN BANCA DATI PER IL FISCO. Tutte queste informazioni sono destinate a confluire in una enorme banca dati dettagliata, in grado di comporre il profilo di aziende e contribuenti, facendo emergere l’evasione.

Per quanto riguarda banche e operatori finanziari, la disciplina è diversa. Il 30 aprile di ogni anno è previsto l’obbligo di comunicare i dati delle operazioni Iva (non inferiori a 3.600 euro) effettuate l’anno precedente con carta di credito o bancomat. Il fisco deve venire a conoscenza dei dati di chi ha sostenuto l’acquisto, gli importi della transazione, la data e il codice fiscale dell’operatore attraverso il quale è avvenuto il pagamento elettronico.

SOCIETÀ DI LEASING E NOLEGGIO ESONERATE. Le società di leasing e di noleggio che compilano l’apposita dichiarazione sono esonerate dallo spesometro. Chi utilizza invece i beni a noleggio o in leasing ha già effettuato la dichiarazione polivalente la cui scadenza era il 10 aprile.

Lo spesometro riguarda anche le imprese agricole in regime di esonero Iva (volume d’affari dichiarato nel 2012 non superiore a 7 mila euro), obbligate a fornire indicazioni utili a individuare le spese sostenute dai contribuenti e rilevanti ai fini dell’accertamento sintetico: per esempio le spese nei ristoranti o negli agriturismi. Ma anche l’agricoltore può essere a sua volta oggetto di attenzioni in base alle spese che sostiene.

Fonte Lettera43

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. xxxxxx: infatti .. così colpiscono solo i consumi e l’economia reale! i grandi capitali vanno e vengono come vogliono!.. vedi MPS, Parmalat, etc.. e per grandi capitali non si intendono cifre di 200mila euro: sembrano tanti, ma sono alla portata quasi di tutti, per un motivo: quasi tutti abbiamo una casa di proprietà, magari comprata con mutui a 30 anni o dai genitori.. il cui valore difficilmente è inferiore ai 100mila euro.
    Intanto in UE stanno attuando “l’unione bancaria”: in pratica saranno SVUOTATE tutte le banche nazionali/centrali degli Stati UE.. e tutto sarà gestito da pochi anonimi banchieri a danno dei cittadini, che ripianeranno pure i debiti che TUTTE le banche hanno..
    Vabe’ ma che ci frega, ci danno 80 euro!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.