Salernitana, flop al primo vero esame dopo due campionati vinti tra Serie D e C2

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Salernitana_Catanzaro_18_sconfitta_delusioneIl progetto Salernitana sembrava affidabile perché a proporsi per la ricostruzione del calcio cittadino erano stati un presidente di lungo corso e navigato come Lotito ed un giovane ed ambizioso imprenditore, a digiuno della materia calcistica,  ma molto attento e puntuale.  Come dire: siamo in mani sicure, possiamo fidarci. Poi va a finire che si gettano fondamenta d’argilla, con il palazzo che traballa al terzo anno di matrimonio ed una valanga di dubbi assale tutto e tutti. Salernitana forte con le piccole e piccola con le grandi? Al primo vero esame, quello con un coefficiente di difficoltà più alto pur senza retrocessione e con una griglia play off estremamente allargata, la società ha fatto clamorosamente cilecca.

Due anni tra Serie D e C2 a testa alta ma contro squadre modeste,  senza storia e tradizione: Palestrina, Selargius, Monterotondo, Progetto Sant’Elia, Città di Marino nei dilettanti. E poi in C2, Aprilia, Poggibonsi, Gavorrano, Fondi e Borgo a Baggiano per fare qualche nome. Tutto bene, tutto fin troppo facile. Poi l’esame C1, con tante squadre ambiziose ed importanti ed ecco che la Salernitana si è squagliata come neve al sole. Campionato sbagliato in partenza o squadra e società sopravvalutata in questi ultimi anni? Il dubbio rimane come rimangono le perplessità sul futuro e sulle ambizioni del club. Ecco il punto: una società nata da poco per raggiungere una certa stabilità dovrebbe sposare un progetto e portarlo avanti. Se le linee da seguire diventano due o di più il giocattolo si rompe. Il modello Lazio non è esportabile a Salerno. Salerno non può essere telecomandata a distanza, gestita come la sorella povera della Lazio nei ritagli di tempo e quando non ci sono assilli o emergenze da fronteggiare nella casa madre. Salerno merita rispetto, Salerno non è la seconda squadra della Lazio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. ma che caxxo di articolo è? ma< siete proprio patetici. pur di apparire nei confronti della tifoseria scrivete queste sciocchezze.
    avete difeso l'indifendibile (Lombardi) e mò attaccate questa società che ci ha salvati e in tre (dico 3) ci ha fatto vincere più che in 90 anni le altre società messe insieme.
    ma per favore un po' di equilibrio nei giudizi.
    capisco che siete contro lotito perché vi risponde a tono (soprattutto alla vostra giornalista) ma dovere di un vero giornalista è riportare i fatti e Voi siete contro questa società a prescindere.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.