XXX edizione del Premio “Gatto” a Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
alfonso_gattoSotto l’egida del club Lions Hyppocratica Civitas, la trentesima edizione del premio di poesia intitolato alla memoria di Alfonso Gatto ha visto decine di poeti in erba cimentarsi con il più grande letterato che la città di Salerno abbia potuto esprimere, ma anche con la loro libera creatività, esercitata in componimenti tutti meritevoli di menzione. Nel salone dei marmi del Comune capoluogo, c’è stata la premiazione di alcuni degli studenti che hanno partecipato alla manifestazione, tutti appartenenti alle scuole medie inferiori e superiori del territorio. Alfonso Gatto è stato fonte di ispirazione o semplicemente guida e pretesto della creazione letteraria dei piccoli poeti. Per il prof. Francesco D’Episcopo, ordinario di letteratura Italiana alla Federico II di Napoli, Gatto avrebbe meritato senza alcuna ombra di dubbio il premio Nobel, se non altro per la completezza del suo essere artista ed intellettuale, dalla poesia alla composizione, passando per la pittura e per la grafica.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Restiamo della nostra atavica opinione: è un premio con pochissimo risalto, con un ristrettissimo riscontro ed un fattore d’impatto minimo. E’ un peccato. Alfonso Gatto, uno dei più grandi poeti contemporanei, un Grande Salernitano, avrebbe meritato di più. Ci chiediamo quali e quanti organi di stampa abbiano trattato questo premio. Quanti passaggi televisivi nazionali. Quante volte è apparso al TGR Campania. E soprattutto quanti salernitani ne sono a conoscenza. E vogliamo parlare della casa natale. E del fatto che, viadotto a parte ed una scuola, poco o nulla ricorda Gatto. D’Annunzio a Pescara è rimasto… un gigante. Abbiamo chiesto fino alla nausea che la tomba del poeta fosse oggetto di maggiore cura e attenzione. Macché, urla nel deserto. Strafottenza assoluta. Ci devi passare per caso. Devi sapere che è lì: non c’è uno straccio di indicazione. Eppure è Alfonso Gatto, un uomo illustre. Abbiamo chiesto che fosse installata una segnaletica che guidasse il visitatore al suo sepolcro. Un’operazione difficilissima, evidentemente, che richiede investimenti ingenti da far barcollare le casse comunali. Per Gatto si deve fare di più: chi di dovere lo consideri un imperativo categorico, un obbligo morale. Un, sia pur lodevole, premio d’elite non può bastare.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.