Caso Yara: Procura contro Alfano per fuga notizie. Ministro: “Presunzione innocenza per tutti ma assassini in galera”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Yara-palestra-foto-GambirasioCaso Yara, scoppia il caos. Alfano diffonde la notizia, la procura attacca: volevamo massimo riserbo. Che vergogna. La notizia diffusa ieri su Yara non doveva essere diffusa, o almeno non doveva esserlo in questi termini. E invece? E invece Abbiamo un ministro dell’Interno, Angelino Alfano, che diffonde la notizia dell’arresto del presunto assassino di Yara Gambirasio. E lo fa su Facebook con questo agghiacciante messaggio. Alfano dà dell’assassino a una persona fermata e presunta tale. E in più rincara la dose parlando di “efferato assassino“. Leggiamo:

Le Forze dell’Ordine, d’intesa con la Magistratura, hanno individuato l’assassino di Yara Gambirasio. Ringraziamo tutti, ognuno nel proprio ruolo, per l’impegno massimo, l’alta professionalità e la passione investiti nella difficile ricerca di questo efferato assassino che, finalmente, non è più senza volto. Oggi, due successi delle Forze dell’Ordine che dedichiamo ai familiari delle vittime e agli italiani onesti.

La procura è incredula e questa mattina fa sapere che:

Era intenzione della Procura mantenere il massimo riserbo” sul fermo del presunto assassino  per l’omicidio di Yara Gambirasio. “Questo – ha spiegato il procuratore capo di Bergamo, Francesco Dettori – anche a tutela dell’indagato in relazione al quale, secondo la Costituzione, esiste la presunzione di innocenza“.

Suona polemico l’intervento del magistrato che guida la Procura bergamasca, infastidito per la marea di dichiarazioni, commenti, giornalisti e cameramen arrivati nella zona dopo la notizia dell’arresto di ‘Ignoto 1’. Polemico, soprattutto nei confronti del ministro Angelino Alfano, titolare dell’Interno, visto che è stato lui – dagli uffici del ministero romano – a diffondere a gran voce la notizia del fermo.

Il procuratore di Bergamo ha aggiunto che “il fermo avrà il consueto iter di tutti gli altri“. Gli atti saranno quindi trasmessi entro 48 ore dall’esecuzione del fermo al gip che ne avrà altre 48 per fissare l’udienza e decidere sulla convalida.

La soluzione del caso di Yara Gambirasio è un grande risultato, che si unisce all’arresto del triplice omicida di ieri. Complimenti alle forze dell’ordine che hanno centrato due grandi risultati”. Così il ministro dell’Interno Angelino Alfano, a margine della 31esima edizione dell’Idec, la Conferenza internazionale contro la droga in corso a Roma, commenta i successi nella risoluzione di due importanti casi di cronaca nera.

“Nel nostro Paese – ribadisce il titolare del Viminale – il destino di chi uccide e delinque è la galera. La presunzione di innocenza vale per tutti – spiega poi Alfano riferendosi al muratore accusato di aver ucciso Yara – e quindi anche in questo caso”. Ci sono altre prove a suo carico? “Saranno le forze di polizia e gli inquirenti a dirlo – risponde il ministro dell’Interno – A me preme sottolineare che è stato fatto un grande lavoro”, conclude Alfano, esprimendo l’intenzione di mettersi presto in contatto con la famiglia Gambirasio.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Ma la cosa più sconcertante che prima di divenire prima Ministro della Giustizia e oggi Ministro dell’Interno, Angelino faceva l’avvocato e ciò denota la sua ignoranza nella procedura penale, chiamando assassino uno che non è stato ancora giudicato nemmeno in 1° grado ma riveste la figura di indagato.

  2. Questi “nuovi” politici fondano il loro consenso sull’ignoranza collettiva, twittano ogni cazzatella che fanno e tentano di prendersi anche ii meriti di altri. Renzi lui e gli 80 euro per pochi fortunati già possessori di stipendio perchè non twitta “Oggi scade il termine per la TASI vi abbiamo riempito di tasse pagate poveracci!”…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.