Salerno: emissioni moleste di suoni e odori, Noe sequestrano friggitoria sul Corso

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa

Carabinieri_del_NOEI Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Salerno, agli ordini del Capitano Giuseppe Ambrosone, a Salerno, unitamente a personale della ASL cittadina, hanno apposto i sigilli di sequestro ad una nota attività commerciale di friggitoria e vendita al dettaglio di patatine fritte, situata lungo il corso cittadino.

In particolare, i Carabinieri dello speciale reparto a Tutela dell’Ambiente hanno dato esecuzione ad un Decreto di Sequestro Preventivo d’Urgenza emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Salerno,  a firma del Pubblico Ministero Sost. Proc. Dott. Roberto Penna, che ha direttamente coordinato le attività di indagine eseguite dai Carabinieri del NOE unitamente al personale del Nucleo Annonaria della Polizia Municipale di Salerno, tecnici dell’Arpac e del Dipartimento di Prevenzione Collettiva della ASL cittadina, nella persona del dirigente Dott. Matteo De Sio.

Nel corso dei controlli e sopralluoghi eseguiti dai vari enti all’attività commerciale, disposti dalla Autorità Giudiziaria a seguito di esposti colà pervenuti, è stato accertato che durante l’esercizio dell’attività di friggitoria per la vendita al dettaglio di patatine fritte vi era la produzione ed il versamento in luogo pubblico di vapori, fumi ed odori nauseabondi atti a molestare olfattivamente, anche con bruciori alla gola ed agli occhi e talvolta nausea, le persone residenti od anche esercitanti attività lavorativa nell’area adiacente il locale, nonché venivano provocate fastidiose emissioni acustiche superanti nel tempo di riferimento diurno il limite consentito dalla legge.

In particolare, alcune persone hanno sostanzialmente dichiarato di essere costrette a tenere costantemente gli infissi chiusi e di avvertire aria pesante e particolarmente sgradevole da respirare anche per il disgustoso odore di frittura; anche il rumore proveniente dalle macchine esterne dell’attività è intollerabile soprattutto nelle ore notturne.

 

Inoltre, dai controlli effettuati dal Dipartimento di Prevenzione della ASL è emerso, in sintesi, che le esalazioni maleodoranti, penetrando in ambiti confinati, inducono condizioni di insalubrità con conseguente inagibilità dei locali interessati, tra l’altro provocando l’esposizione dei lavoratori a condizioni microclimatiche non confortevoli tali da contravvenire ai requisiti degli ambienti di lavoro stabiliti dall’allegato IV del Decreto legislativo 81/2008. L’ASL ha ritenuto la stessa attività di preparazione di patatine inagibile per il negativo impatto igienico-sanitario sul vicinato. Anche l’impianto di abbattimento adottato è apparso incapace ad eliminare le esalazioni così come si dovrebbe.

 

Pertanto si è dunque proceduto al sequestro preventivo dell’esercizio commerciale e degli impianti in esso presenti, quali le quattro friggitrici e l’impianto di captazione ed evacuazione dei vapori, ed alla contestuale denuncia in stato di libertà alla competente autorità giudiziaria dei due co-legali rappresentanti della società di gestione per la violazione penale emersa nel corso del controllo; difatti in relazione a quanto accertato, la Procura della Repubblica di Salerno procede per la violazione dell’articolo 674 (Getto pericoloso di cose) del Codice Penale.

COMUNICATO UFFICIALE CARABINIERI DEL NOE

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Questi si che sono cafoni, musica ad ogni ora è un puzzo nausea Bondo. ….mi dispiace x i lavoratori che è seguivano sicuramente le norme interne ma ben venga la chiusura.

  2. Ma quali patate fritte… vogliamo le cozze di Salerno quelle con la “S” di STRAORRRRRRDINARIO sopra. Ahahahahahahahahaha….

  3. Meglio i panzerotti con il Fiordilatte e pan grattugiato!! La dieta Mediterranea…poi ci stà la Dieta Tirrenica e la dieta Atlantica…

  4. Scusate ,oggi leggendo l’articolo sul Mattino di Salerno,si è fatto il nome dell’esercizio chiuso ” chips ” ( il resto non lo ricordo) ,quello che sta sul corso Vittorio Emanuele,la mia domanda è ,perchè quando si chiude un esercizio di Salerno e Salernitano il nome non compare mai sul giornale e siccome questi sono catene internazionali si, quando si ha alcune pescherie e alcuni inprovvisati in tutta Salerno a fare il cosidetto ” cuoppo ” che se non è uquale ma forse ancora piu’ discustoso del come e dove lo si fa dell’esercente chiuso , a chi hanno dato fastidio ? Sono catene internazionali che comunque danno lavoro , e poi ci vogliamo lamentare che il lavoro non si ha ? Oppure perchè queste catene le pagano le tasse e regolano i loro dipendenti invece gli altri ……………………….. ( capisci a me )

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.