Estate: crisi e meteo bizzarro fanno segnare agli stabilimenti balneari già un -70%

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

balneari_spiaggia_stabilimenti_SIBL’estate ballerina sta facendo crollare la vendita di gelati, frutta fresca e verdura. Le vigne sono state devastate dalle grandinate, idem per i campi di pomodori e ortaggi finiti in questi giorni sott’acqua. «Danni che in diversi casi interessano fino al 60% dei raccolti» ha fatto sapere la Coldiretti secondo cui il conto del maltempo ammonta già a un miliardo di euro per il settore dell’agroalimentare e del turismo. In alcune zone del Nord è caduto il triplo di acqua in più della media di stagione e in tutta Italia si sono registrate precipitazioni da record che hanno sconvolto i normali cicli stagionali delle campagne oltre a provocare danni diretti alle colture. La frutta fresca segna a luglio il maggior calo di sempre (-10,3%) e il maltempo sta persino costringendo le api a restare a terra con notevoli conseguenze per la produzione di miele: «A Nord e a Sud – rileva ancora Coldiretti – i dati più preoccupanti: l’apicoltura registra una pessima stagione produttiva con percentuali che sfiorano il -70 per cento».

Dramma per gli stabilimenti balneari con cali delle presenze anche qui fino al 70% rispetto allo stesso periodo del 2013. «Si stimano 400 milioni di euro persi e 50.000 lavoratori giornalieri a casa» ha fatto sapere il sindacato italiano balneari che ha fotografato la situazione critica delle spiagge italiane: «Le situazioni peggiori si registrano in Campania (-40% a giugno e -70% a luglio) e Marche (-35% e -60%), Liguria, Toscana (50%) ed Emilia Romagna (-30%)». Ma le conseguenze sono notevoli in tutti i settori: «meno clienti al mare significa ristoranti con tavoli vuoti, alberghi che devono fare i conti con camere libere, negozi con merce invenduta — ha spiegato Riccardo Borgo, presidente del sindacato italiano balneari — ma anche personale giornaliero a chiamata (come bagnini, camerieri, aiutanti in cucina, addetti alle pulizie, parcheggiatori, animatori) che è rimasto a casa in quanto le giornate di maggior richiesta, come i week-end, sono stati funestanti costantemente da pioggia, vento e basse temperature».

Fonte Corriere della Sera

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.