Estate: per 7 campani su 10 la tavola è il luogo di ritrovo ideale per la famiglia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Tavola_famiglia_pranzoE’ la tavola il fulcro delle giornate estive delle famiglie campane. Addirittura il 74% dei campani ritiene infatti che ritrovarsi in cucina dopo un’intensa giornata al mare sia il modo migliore per rilassarsi e tornare a condividere del tempo con le persone care. Momenti sempre più rari durante i mesi lavorativi, da dedicare alla condivisione di esperienze e valori sempre più difficili in questa epoca hi-tech. E a sorpresa, il Nord (47%) batte il Sud (34%) nel bisogno di riscoprire la tavola come luogo d’incontro per tutta la famiglia. Ma cosa non deve mai mancare su di essa?  Acqua (86%), pane (83%) e il ragù della domenica (79%) sembrano essere gli elementi irrinunciabili di ogni famiglia campana. È quanto emerge da uno studio condotto da Levissima su circa 700 campani di età compresa tra i 18 e i 65 anni. Lo studio è stato realizzato con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) attraverso un monitoraggio online sui principali social network, blog, forum e community, per esaminare come si sia evoluto il rapporto tra le famiglie italiane e la tavola, intesa come luogo di condivisione, in estate.

“Partendo dal presupposto che la famiglia è stata, è tuttora, e sarà sempre la cellula vitale della nostra società, il focolare domestico e la tavola sono i luoghi in cui la famiglia si ritrova e vive la sua vita comunitaria – spiega Michele Cucchi, psichiatra e Direttore sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano –. Nei tempi più moderni, post bellici, la tavola svolge la stessa funzione che un tempo apparteneva alla piazza del paese: luogo di ritrovo in cui si discutono i problemi, si traggono insegnamenti, si impara a vivere”.

Ma perché i campani amano riunirsi a tavola soprattutto in estate? La maggioranza degli intervistati ha rivelato di non poter rinunciare a questi momenti di condivisione con i propri cari soprattutto perché durante i mesi invernali il lavoro e le faccende della vita quotidiana riducono notevolmente il tempo da dedicare alla propria famiglia (72%). Il 42% dei campani pensa invece che sia il periodo migliore per ragionare, discutere e aiutarsi vicendevolmente nel prendere decisioni importanti. Il 53% ritiene infine che mangiare tutti insieme a tavola nei mesi caldi sia il modo migliore per riappacificare delle tensioni che si sono venute a creare e ritrovare armonia e complicità con i parenti.

A tavola tutti i componenti della famiglia trovano il proprio ruolo: i bambini si sentono accuditi, i genitori si allenano nell’ascolto, facendosi raccontare dai figli come è andata la giornata. I nonni, i più saggi, attraverso il mito del racconto aneddotico tramandano il sapere delle tradizioni e dei processi sociali. La tavola è una palestra di vita: si impara a vivere in gruppo, si apprendono il rispetto e i valori essenziali. Una vita solo virtuale, che non avesse luoghi sociali come la tavola, impoverirebbe la nostra società di quelle competenze emotive che sono il valore aggiunto dell’essere umano”.

Quali sono i momenti delle giornate estive in cui è più facile riunire genitori e figli attorno alla tavola? Il momento più gettonato per vivere questi rari spazi di condivisione è certamente la cena (76%), visto che a pranzo capita spesso, perché si è in spiaggia o si trascorre la giornata fuori casa, che qualche componente manchi all’appello (32%). Sul secondo gradino del podio si ferma invece la colazione (55%), in cui si racconta quali sono i programmi per la giornata appena iniziata e si danno le raccomandazioni necessarie a svolgere tutte le attività.

Quali sono gli alimenti e le bevande che costituiscono l’energia vitale della famiglia? I campani hanno scelto d’incoronare l’acqua come elemento imprescindibile della tavola di casa (86%), seguita dall’immancabile pane (73%) e dal tradizionale ragù della domenica (79%), ingrediente tipico della cucina campana.

Quali sensazioni provano i campani quando, durante i mesi invernali, non possono mangiare assieme ai propri cari attorno alla tavola? L’83% ammette di avvertire una profonda nostalgia per i luoghi d’origine e che non vede l’ora che arrivino le ferie per raggiungere i genitori o i parenti. Il 73% invece rivela che cerca di combattere la malinconia cucinando più spesso piatti tipici che gli ricordano il focolare familiare, mentre il 58% reagisce a questa tristezza telefonando ai familiari per sentirli più vicini, ma anche per chiedere consigli culinari alle esperte nonne o alla mamma.

Ma in quale parte dell’Italia si avverte maggiormente il bisogno di riscoprire il benessere della tavola? Gli italiani al Nord (47%) ritengono che la tavola abbia un ruolo determinante nella crescita della famiglia (65%) e nell’educazione dei suoi componenti (42%) soprattutto in una quotidianità frenetica e stressante. Al Sud (34%), generalmente più incline al raccoglimento all’interno del focolare domestico, quella tavola apparecchiata rappresenta una ricchezza incredibile (70%) in quanto luogo di condivisione di cibo e di animo.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Ma si vive per mangiare o bisogna mangiare per vivere? Forse da noi al Sud per tante ragioni storiche e sociali si dà un peso un pò eccessivo al cibo……..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.