Treni pendolari più veloci, fino a 40 Km/h in più

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
treno-intercity-stazione_salernoTreni più veloci per i pendolari, almeno di 30-40 chilometri all’ora. E l’alta velocità potrebbe salire da 300 a 350 km/h. Sono queste le richieste che il Governo ha presentato alle Ferrovie dello Stato, per migliorare la vita dell’esercito di oltre 2,5 milioni di pendolari che utilizzano i treni regionali.

Lo ha annunciato a Rimini il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi, spiegando che la richiesta riguarda quei “miglioramenti tecnici che consentano di aumentare, di almeno 30-40 chilometri all’ora, la velocità di esercizio delle tratte non coinvolte dall’alta velocità”.

“L’intervento si può fare in piena sicurezza”, ha spiegato, aggiungendo che si sta concludendo la verifica delle procedure tecniche per far passare, sempre “in sicurezza”, la velocità massima sulle tratte ad alta velocità da 300 a 350 km all’ora. Un intervento che, per i treni diversi dal Frecciarossa di Fs e da Italo di Ntv, diventa fondamentale, almeno secondo i dati contenuti nel rapporto ‘Pendolaria’ di Legambiente, che è andata a ripescare un vecchio orario dei treni del 1938 per scoprire che in oltre 75 anni il tempo di percorrenza dei treni è rimasto pressoché invariato. Senza contare esempi come la Aulla-Lucca, che in 40 anni ha ‘perso’ sei stazioni senza risparmi di tempo.

Se infatti sulla dorsale Roma-Milano i tempi si sono più che dimezzati, con la possibilità di un’ulteriore discesa del tempo di percorrenza a due ore e mezza, in molte delle tratte locali i minuti sono rimasti praticamente gli stessi. La ‘colpa’ è di treni che vanno ancora troppo lenti, un po’ per l’eccessivo affollamento (e quindi i lunghi tempi di discesa e salita dei passeggeri) e un po’ per i problemi sulla rete.

Sempre ‘Pendolaria’ denuncia come, su velocità di punta fra i 90 e i 140 Km/h, spesso gli ex treni locali viaggino a ritmi decisamente più rilassati: sulla Genova Voltri-Genova Nervi transitano circa 25.000 viaggiatori al giorno ad una velocità di 25 km/h. Sulla Modena-Sassuolo si sale ai 38 Km/h e sulla Roma-Viterbo si arriva in media ai 40 Km/h, così come sulla Napoli-Benevento-Avellino. Se poi si prendono le linee interurbane e si confrontano con i Paesi europei il quadro peggiora ulteriormente: i 36 km/h italiani si scontrano con i 40,5 del Regno Unito, i 46,6 della Francia ed i 48,1 della Germania.(Fonte ANSA).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Vogliono aumentare la velocità ? Ma se ogni giorno sulla tratta NA – SA non riescono a garantire nemmeno la percorrenza di tutti i treni !!! E i regionali che viaggiano sull’ alta velocità arrivano mediamente con 10 minuti di ritardo su un percorso senza fermate…Che palle che vanno dicendo …

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.