Riforma Mibact, più forte ruolo privati nei musei. Tra i 20 con autonomia speciale c’è Paestum

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
tempio_cerere_templi_paestumUn più forte contributo dei privati nella gestione e valorizzazione di siti e musei: questa la sostanziale novità – su indicazione, si apprende, del premier Matteo Renzi – della riforma del ministero dei Beni culturali varata oggi dal Consiglio dei ministri, rispetto alla prima bozza illustrata a luglio dal ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, che resta immutata nell’impianto centrale. Altra modifica, l’inserimento del Palazzo Ducale di Mantova nella lista dei venti musei dotati di autonomia speciale (da cui esce, invece, il Museo Nazionale Romano).

A illustrare nei dettagli i contenuti del provvedimento sarà domani lo stesso Franceschini nella sede del dicastero. La riforma punta a estendere – a quanto si apprende – i modelli di gestione mista pubblico-privata di siti e istituti, ma prevede anche, in base all’articolo 115 del Codice dei beni culturali, la possibilità di dare in gestione diretta a privati alcuni siti.

Questa, invece, la lista aggiornata degli istituti e musei di rilevante interesse nazionale dotati di piena autonomia gestionale e finanziaria, con direttori altamente specializzati e selezionati con procedure pubbliche:

1) Soprintendenza speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’area archeologica di Roma (sotto cui viene ricondotto anche il Museo Nazionale Romano);

2) Soprintendenza speciale per Pompei, Ercolano e Stabia;

3) la Galleria Borghese;

4) la Galleria degli Uffizi;

5) la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma;

6) le Gallerie dell’Accademia di Venezia;

7) il Museo di Capodimonte;

8) la Pinacoteca di Brera;

9) la Reggia di Caserta;

10) la Galleria dell’Accademia di Firenze;

11) la Galleria Estense di Modena;

12) la Galleria Nazionale d’arte antica di Roma;

13) il Polo Reale di Torino;

14) il Museo Nazionale del Bargello;

15) il Museo Archeologico Nazionale di Napoli;

16) il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria;

17) il Museo Archeologico Nazionale di Taranto;

18) Paestum;

19) il Palazzo Ducale di Mantova;

20) il Palazzo Reale di Genova.

Resta confermato, per il resto, l’impianto della riforma, con l’ammodernamento della struttura centrale del ministero e la semplificazione di quella periferica; l’integrazione definitiva tra cultura e turismo; il rilancio delle politiche di innovazione e formazione; la valorizzazione delle arti contemporanee; la revisione delle linee di comando tra centro e periferia (semplificazione delle procedure per ridurre i contenziosi) e il taglio delle figure dirigenziali (37 dirigenti in meno)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.