Processione di San Matteo: per De Luca è il momento del silenzio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
26
Stampa
De_Luca_plastico_Crescent_19_indicaContrito, quasi sofferente e sorprendentemente dai toni bassi, l’intervento del sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, ospite di “S come Salerno” trasmissione di Radio Alfa in onda ogni martedì alle 12,45. O almeno quando, ad inizio trasmissione, affronta lo spinoso tema della processione di S.Matteo e di quanto avvenuto domenica pomeriggio tra la rivolta dei portatori delle statue dei Santi, i fischi al Vescovo Moretti e i cori da stadio della gente. Mi chiedo se con la pesantezza della vita, era proprio necessario tutto questo?” Così inizia De Luca rispondendo alle molteplici domande degli ascoltatori giunte, su questo argomento, alla segreteria telefonica della radio. Dichiarando di aver poco da dire sulla questione perchè non presente alla Processione (e svicola più volte alla domanda sul perchè della sua assenza, n.d.r.) Vincenzo De Luca riassume la vicenda partendo dalla decisione del Vescovo Moretti, aderendo ad una direttiva della CEI, di predisporre una festa più intima e sobria e non popolare.

“Noi abbiamo rispettato la decisione della Curia che ha la responsabilità della manifestazione”. Il momento di tensione secondo De Luca sarebbe nata dalla decisione (…De Luca sostiene di “non sapere” chi ha preso questa decisione n.d.r.) di far partire le statue dal cortile e non dall’interno del Duomo. “Questo è tutto, non c’è da fare delle dietrologie, non ho lo stato d’animo di rispondere a tutte le sciocchezze”. Questa è l’affermazione netta del sindaco all’ipotesi di una “regia unica” avanzata da molti in riferimemento alle proteste. Il sindaco conclude che è il momento di fare silenzio su questo argomento e in “unità” fare una serie riflessione sulle scelte e su quanto accaduto. Sulla vicenda degli inchini, il sindaco non ha dubbi che anche in questo caso dietro il paragone tra gli “inchini” di Salerno e quelli ai malavitosi in Calabria e Sicilia, ci siano persone “indegne” che non perdono l’occasione per offendere la città.

Nel corso della trasmissione De Luca torna anche sulle candidature provinciali ironizzando sulla presenza di Giovanni Romano. “Sindaco, assessore regionale e ora candidato alla Provincia. Se c’è un posto per fare il tappo della Coca Cola, candidano questo! Paese bizzarro il nostro”

Fonte Radio Alfa

ASCOLTA LA PUNTATA DI RADIO ALFA

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

26 COMMENTI

  1. girnalai da strapazzo chiedete al vostro cafone della basilicata… perche’ l cancello centrale di accesso al comune era aperto dalleopre 18,30…. di domenica pomeriggio……. veder filmati….
    chi deve fare silenzio e’ solo lui

  2. Dopo tanti lustri come Masaniello crede di essere diventato l’unico padrone è poco ,ma il proprietario assoluto.Ricordo con disgusto quando lo scorso anno l’Innominato mangiava le zeppole e riceveva appluasi dai suoi fedeli personali,insomma si trattava di venerare il santo patrono,ma non S.Matteo, ma san Vincenzo da Ruvo del Monte.La chiesa ha stabilito, altre modalita’,non Mons.Moretti e che fa il vero padrone di Salerno,da solo, senza consultare alcuno, stabilisce che non ci devono essere i fuochi pirotecnici e non partecipa neanche piu’ alla “sua” processione, ne’ a quella di S.Matteo.Il massimo del suo potere assoluto su Salerno e noi salernitani lo dimostra quando i portantini si sono ribellati e portato nei soliti posti le statue dei santi e alla faccia del Vescovo hanno portato la statua di S,Matteo dentro il comune che malgrado fosse Domenica era aperto e illuminato per riceverlo.Questo signore che si è creato una vasta fetta di elettorato a suo favore,ma pagate con le nostre tasse,ha bisogno di dimostrare di essere lui sempre “il capo” e percio’ tasse al massimo e spese pure.Salerno deve viaggiare con auto di lusso ma con i soldi dei poveretti.Meno male che tra poco mesi è obbligato ad andarsene (alla regione)dal comune e sperando che non continui a tenere le mani sulla citta’ attraverso un suo familiare che sta preparando, come si faceva una volta con i figli dei nobili.Aspiriamo ad una tranquillita’ perche’ no anche economica.Non sara’ cosi’? Fottetevi

  3. Caro Vincenzino stavolta hai fatto una palla corta, non hai capito cosa ti passava sotto il naso ed in materia di fede sei piuttosto scarsino. La porta aperta del comune è la pistola fumante delle tue responsabilità. Ora la processione rischia di essere sospesa e per la tanto decantata città turistica non è certo una nota di merito. Pentiti figliolo e ricordati che devi morire. Amen.

  4. Di dimissioni questa gente non parla mai. De Luca facci un favore vattene un altro anno con te è impensabile.

  5. come al suo solito aggira o non risponde alle domande scomode e quando i conti non gli tornano perchè il cronista prezzolato non ha capito che a quella domanda non può rispondere, subito dice che sono sciocchezze dette da quattro sfessati. Nulla di nuovo è un film “de ja vu” che ormai ha stancato.
    Poi per il tappo di coca cola se la poteva proprio risparmiare.
    Chissa un giorno quel tappo dove può finire.

  6. SONO SEMPRE STATO A FAVORE DI DE LUCA NON PER UNA IDEOLOGIA POLITICA MA SEMPLICEMENTE PER QUELLO CHE HA CREATO A SALERNO.
    MA IN MERITO ALLA PROCESSIONE MI LASCIA QUALCHE DUBBIO IL SUO COMPORTAMENTO : PERCHE’ ERA ASSENTE, PERCHE’ NON SI E’ SCHIERATO A FAVORE DI MORETTI PUNTANDO IL DITO VERSO I PORTATORI CHE NON SI SONO ATTENUTI ALLE REGOLE, PERCHE’ IL COMUNE ERA APERTO, PERCHE’ NON HA CERCATO CON IL DIALOGO CON MORETTI DI OTTENERE QUALCHE ECCEZIONE ALLA REGOLA…..

    IN MERITO ALLA VICENDA, ANCHE SE SONO UN SALERNITANO CRESCIUTO CON QUESTA TRADIZIONE DELLA PROCESSIONE E DEI FUOCHI, CREDO CHE IL COMPORTAMENTO DEI PORTATORI E’ INGIUSTIFICABILE E SQUALLIDO. ERO PRESENTE ALLA PROCESSIONE E VEDERE QUALCUNO CHE PORTAVA LE STATUE INVITARE LA FOLLA A FISCHIARE IL VESCOVO E’ RIDICOLO……..

  7. Cari Rosicatori, io per voi nutro una profonda simpatia e vi voglio un gran bene, perciò vi do un consiglio per salvaguardare la vostra salute: Visto che siete in buona compagnia fondate un club, tipo quelli di Forza Italia, e preparatevi per le prossime elezioni scegliendo tra di voi una persona che abbia voglia di impegnarsi nel lavoro Sindacale (di Sindaco). Presentatevi al corpo elettorale e se vincerete vi farete passare gli attacchi di bile. Ma a questo punto mi viene un dubbio: Forse a voi non interessa impegnarvi in cose serie e sapete vivere soltanto rosicando in continuazione per tutta la vita (è il vostro carattere). Comunque sappiate che se per caso vincerete voi le prossime elezioni sarò felice finalmente di vedervi guariti e starò sereno e non mi farò venire il mal di fegato.

  8. il cancello del comune era aperto come il portone principale della caserma della Guardia di Finanza, per educazione si omaggia la processione, pure i balconi di casa erano aperti anche con le coperte messe fuori… ma, vi rendete conto che è tutto un boicottaggio politico per far subentrare il famoso “popolo delle libertà” e distruggere quello che siamo riusciti ad avere in città? Ve ne accorgerete e onestamente mi fa piacere perché i salernitani sono sempre stati dei traditori pronti a vendersi al miglior offerente

  9. Caro Sindaco, è stato un autogol clamoroso da parte di chi come Lei predica il rispetto delle Istituzioni – laiche o religiose – che siano, e non perde occasione di parlare dei cafoni che danneggiano l’immagine della città. Perchè il portone di palazzo di Città è stato aperto ? solo Lei può rispondere a questa domanda. Inoltre certamente con la Sua presenza alla processione si sarebbe evitato tutto questo, invece è stato lasciato tutto in mano a quattro sfessati (uso un suo termine) con mania di protagonismo, e che nulla hanno a che vedere con la fede. Sono veramente amareggiato.
    Un Suo affezionato elettore

  10. I “sabotatori” hanno il coraggio di tirare in ballo De Luca anche in questa occasione che non è presente; anche l’anno scorso la processione è stata seguita dal vicesindaco Avossa, magari si sono divisi il compito di essere presenti in tempi diversi nella giornata che festeggia il santo patrono?! Perchè non dire semplicemente che De Luca negli anni ha cercato di ridare dignità a Salerno, recuperando un senso civico che con la politica degli ultimi anni abbiamo completamente dimenticato. Per 20 anni abbiamo assistito a continui litigi in diretta con gente arrogante (Forza Italia) che non ha mai permesso alle controparti di completare un discorso per non far venire fuori la verità. Questo è lo spettacolo a cui abbiamo assistito tutti e questo abbiamo imparato, a gridare, urlare, offendere dimenticandoci addirittura che una processione è prima di tutto un fatto religioso, una manifestazione di fede. Coloro i quali hanno messo sulle spalle la statua di san Matteo avrebbero dovuto avere una grande fede, quella fede che smuove le montagne per tutto l’amore che racchiude nei confronti dei nostri fratelli. Il vescovo ha avuto disposizione da Roma in merito alla processione e noi salernitani avremmo, se avessimo avuto vera fede, prima di tutto seguire il vescovo raccogliendoci in preghiera, completare il percorso e poi, all’indomani, in curia manifestare tutto il dissenso di questo mondo. Questa è la verità, non fingiamo di non capire…

  11. Non si tratta di simpatia o di bene, e ci stiamo preparando per le prossime elezioni, ma ti assicuriamo che gli attacchi di bile non ci vengono, se perdiamo.Possiamo rosicare anche per tutta la vita per le continue offese che riceviamo,per gli esborsi continui al massimo che ci chiede il tuo capo, senza che tu possa farci nulla perche’ una volta eletto questo signore diventa il monarca assoluto di tutti, te compreso o non lo hai capito?Cambiare si puo’ e forse vivremo meglio,è la nostra speranza.In questa citta’ sindaco e assessori lo sono da venti anni,ma quando lavorano?

  12. Il portone del comune era aperto come il portone delle caserma della Guardia di Finanza (nella caserma però non hanno osato entrare) in segno di rispetto, per educazione… anche i balconi delle case erano aperti, c’erano anche le coperte distese fuori per “tradizione” come si dice. Ogni occasione è buona per fare caos e disprezzare l’operato di De Luca che ormai, abbiamo capito, dà fastidio alla politica di berlusca che vuole appropriarsi della città. Se ne accorgeranno tutti quando De Luca andrà via, sinceramente mi fa piacere perchè i salernitani sono sempre stati traditori, pronti a vendersi al migliore offerente, non hanno dignità o ti osannano o ti distruggono scordandosi tutto il bene ricevuto. Sono in contraddizione continua, non va mai bene niente. L’anno scorso contro il sindaco che in un periodo di crisi aveva speso soldi per i fuochi, quest’anno contro il sindaco che invece non li ha fatti. Si sa, De Luca andrà via ma la città rimane a noi, se miglioriamo i servizi, se la rendiamo più bella, più vivibile, con opere nuove è per noi, tutto rimarrà a noi. Io mi rifiuto di credere che i salernitani non ricordino che schifo era Salerno prima di De Luca, chi mai ha investito tanti soldi (portati dall’Unione europea) come ha fatto lui per migliorare Salerno… Aprite gli occhi una volta e per tutte, riflettete su quello che abbiamo avuto, nel passato nessuno ha mai fatto tanto per Salerno, i soldi sparivano e i risultati non si vedevano, solo clientelismo e posti di lavoro “regalati” a destra e a manca…

  13. letterina per il contro rosicatori…
    ma non parlate di politica….. che non capite nulla di politica e non sapete manco il significato della parola stessa…
    la politica non c’entra nulla con il tuo padrone cafone della basilicata… lui non eì politico e’ solo un capo pisciauolo… che per i residenti di salerno va benissimo… e proporrei di farlo rimanere a vita……
    siamo sereni e tranquilli perche’ la pagnotta a casa ce la siamo sempre portati da soli… non abbiamo mai avuto bisogno di leccare qualcuno per mangiare…..
    p.s. un consiglio… evitate di dare giudizi di chinonla pensa come voi… perche’ fate solo brutte figure……. perche’ se non conscete le persone non avete il diritto di scrivere stronzate su interessi, impegni, cose serie e quanto altrto…
    non si tratta di essere ne di sinistra e ne di destra…. ma solo .. di ragionare con liberamente….. con la propria testa…..

  14. caro LETTERINA PER I ROSICATORI e cosa vuol dire quello che hai scritto …? ma rosicatori di che ? hanno scritto tutti la realtà , da persone intelligenti col cervello in testa ,senza fare il benchè minimo accenno a situazioni politiche (che poi è la vera ragione del comportamento di sua maestà il SINDACO) . La verità è che De Luca (che non è manco Salernitano ) si è montato la testa , crede di essere il padrone assoluto della città ed ha sfruttato un evento religioso per cercare di tirare l’acqua al suo mulino , portandosi dietro i salernitani con la scusa della tradizione , inchino , giravolte,comune (aperto inspiegabilmente chissà da chi ) etc etc . La realtà è che a Salerno , oltre a Salernitana , San Matteo e da qualche anno luci d’artista , non si riesce ad andare . AMEN

  15. ma mandate via i portatori anzi fate in modo che tutti possono partecipare che sti personaggi lo usano anche come ricatto.

  16. caro Pasquale e cara Giuseppina , se De Luca avesse rispettato le regole (che poi sono le stesse che lui pretende dai cittadini Salernitani , che piacciano o no ) non avrebbe lasciato entrare i portatori dentro al comune . De Luca ,cosa che non volete capire e non si tratta di politica, ha voluto dire al Vescovo : ” QUA’ COMANDO IO ” . E ricordatevi anche che l’usanza della statua al comune è stata proprio un invenzione del CAFONE DE LUCA anni or sono .Il problema non è lo schieramento politico , ma una persona che ormai si crede onnipotente

  17. scusa il manaccie….volevo scrivere manacce…ma tanto nemmeno te ne saresti accorto…

  18. Sono salernitana ho 54 anni e vorrei esprimere un mio pensiero al riguardo dell’accaduto del 21/09/2014 trascorso ma che lascerà una cicatrice a vista per sempre e non credo solo per me.
    La festa di San Matteo per quel che ricordo era la festa del Patrono di Salerno , una festa sentita da tutti: poveri , ricchi, laici, credenti, pagani, gia’giorni prima per tutta la città si sentiva l’odore dll’aceto della tradizionale milza dove le massaie gareggiavano a chi la faceva meglio, poi c’erano gli inviti ai parenti che non abitavano a Salerno ma venivano perchè era San Matteo, le giostre a piazza dellla Concordia attiravano i giovani della Provincia e della Città , quante storie d’amore sono nate in quei contesti , perchè le ragazze avevano il permesso di fare più tardi in quella settimana di festeggiamenti ,pensate che a Salerno si facevano due abiti nuovi (chi poteva) uno per il giovedi’ Santo per il famoso struscio a via Mercanti in occasione dei Sepolcri
    vestito elegante primaverile e l’altro vestito lo si faceva per la festa di San Matteo (abito autunnale), le bancarelle partivano dal Bar Imbarcadero fino a p.zza della Concordia , qui carretti di fichi d’india dove il venditore equipaggiato di guanti di gomma che si usavano per lavare i piatti le privavano delle famigerate spine , poi le spighe di grano arrostite o bollite , il cuoppo di” carta di giornale ” con le” maruzzelle” ossia le lumache , il panino con la milza o in alternativa con broccoli e salsiccia per quelli che la milza non piaceva poi il giorno di San Matteo era FESTA PATRONALE e Salerno si pavoneggiava con il Suo Santo Patrono gia’ dalle sei del mattino dove chi aveva la fortuna di vivere nelle vicinanze della Basilica : centro storico Mercanti , Dogana Regia fino a Canalone allo scocco delle sei iniziavano a suonare le Campane della Basilica e tutte le altre chiese rispondevano accodandosi ad esse e partivano i primi botti da mare che davano inizio ai festeggiamenti salutando il suo Patrono. Poi dalle sette del mattino iniziavano le Sante messe una ogni ora fino a quella di mezzogiorno che era la messa celebrata dal vescovo e vi partecipava il Sindaco e tutte le autorità e i vari collegi del tempo. Diciamo che era la funzione dei Vip.
    Poi c’era l’ora del pranzo rigorosamente a base di pesce dove le tavole a volte erano improvvisate per chi aveva ospiti , ci si presta addirittura le sedie . ERA FESTA come natale e capodanno. Poi nell’atrio della chiesa i fiorai addobbavano le statue sulle paranze una per ogni fioraio che gareggiavano a chi lpreparava (gratis) la più bella .
    Di nuovo le campane chiamavano le varie congreghe per prepararsi per la Processione , i bambini che avevano fatto da poco le prime Comunioni indossavano gli abiti di nuovo per seguire la processione
    Alle sei c’era la messa e poi iniziava la tradizionale processione , dove passava i balconi erano rivestiti da coperte ricamate e antiche in omaggio ai Santi che passavano sotto le case dai balconi stracolmi di gente piovevano petali di fiori , chi aveva il balcone lungo il percorso dellla Processione ospitava altre persone . E poi finalmente la processione che mi ricordo lunghissima : il saluto alla finanza, alla rotonda sotto l’arco della prima porta di Salerno dove li avveniva pure l’alzata del panno il 21 Agosto, il solito percorso storico . I banchetti per i portatori lungo il percorso il rientro in cattedrale con la corsa dei Santi . Molte volte pioveva sembrava un classico e i salernitani tenevano le dita incrociate ma sembrava che anche la pioggia facesse parte della tradizione . Cosa volevo dire? Perdonatemi il dilungarmi ma e’ dal 21 Settembre che ho queste cose in mente a volte ho avuto la sensazione di sentirne pure gli odori, i profumi , i rumori ( ho vissuto la mia infazia alla Dogana Regia anzi più precisamente a Largo Conservatorio Vecchio ) . Quindi io credo come molti Salernitani vecchi
    che non sono parenti dei portatori , non politici schierati , ne ferventi cattolici praticanti , credo che ci hanno tolto qualcosa di importante in un momento dove non ci sono rimasti neanche gli occhi per piangere , dove tutto è buio , dove i nostri giovani non hanno un futuro se non quello di lasciare Salerno come tanto tempo fa facevano i nostri nonni. La città è piegata su se stessa sia politicamente che religiosamente parlando , siamo tutte pecore allo sbando e allora io dico quando avete pensato di cancellare la festa Patronale avete pensato a tutto questo? Il rumore dei ricordi ,il sogno di una sera di festa per la città, la tradizione che si rinnova come segno di speranza perchè toglierlo. Se stavo in strada avrei fischiato anch’io.

  19. – Per i salernitani veri: salerno è una città con tradizioni proprie ed antiche; De Luca né il Sindaco ed il Comune, che é la casa di tutti i salernitani, né rappresenta la storia e la dignità. Se un forestiero passando vi accompagnasse a casa non vi offrireste di farlo entrare o in spregio spranghereste il portone?
    – Per gli ostaggi della politica e per i malpensanti che, ipocritamente, si autoprofessano benpensanti: Salerno è una città di merda che ha voluto per sindaco un capo camorrista così come camorristi sono tutti coloro che mettono piede nel Comune, che il cementificio era meglio dell’hotel Salerno, che il parco del mercatello è uno spreco di verde, che le chiancarelle siano bellezze naturali da tramandare agli affezionati dei bronx, ecc. ecc.
    Complimenti. Complimenti davvero! Specie ai sedicenti benpensanti. Già, perché almeno gli ostaggi della politica queste cose le dicono per distruggere l’avversario De Luca ma non le pensano. I benpensanti, invece, … che dire, per loro non c’è speranza.

  20. Cari rosicatori chi viene eletto da oltre il 70% e per 4 legislature non può essere definito monarca assoluto, vuol dire semplicemente che è gradito alla maggioranza. TROVATE SUL VOCABOLARIO LA PAROLA DEMOCRAZIA
    X luky59 che si permette di giudicare la competenza degli altri in politica, si qualifica da solo. E per dimostrare la sua grande competenza ricorre ad offese (cafone), parla di ”pagnotte” ”leccare”. Ma da dove sei uscito?
    Il salernitano all’estero è invece il detentore delle verità assolute, PRESUME che il sindaco si sia montato la testa. Tutte vostre opinioni (ed offese) si scontrano con il pensiero di oltre il 70% dei cittadini che l’ha votato e che voi giudicate più o meno dei deficienti.
    In democrazia, nei paesi normali le persone normali accettano il responso delle urne e non offendono ne chi vince le elezioni ne gli elettori che l’hanno votato.

  21. de luca ha perso un’altra occasione per stare zitto.
    si deve vergognare, la sua assenza alla processione?
    E’ da due anni che ormai si sta litigando durante la celebrazione della messa di San Matteo, per il posto riservato e occupato da altri, per ritorsione il pomeriggio, vigliaccamente, non segue la processione.
    Comunque, e’ dietro le quinte, vedi le porte aperte del comune, ha sfidato il Vescovo, doveva dimostrare che a Salerno comanda lui, visto che il Vescovo non glielo concede in cattedrale.
    La festa di San Matteo con la complicita’ del precedente vescovo era diventata la sua festa, si era sostituito a San Matteo.
    Si vergognasse la sua ipocrisia e falsita’ e’ ormai palese alla cittadinanza, finalmente si sta prendendo coscienza che Salerno deve liberarsi di De Luca e dei suoi designati successori.
    Salerno e’ una citta’ che doveva vivere di rendita, l’ha affossata per la cementificazione selvaggia e per le luminarie che ormai hanno stancato e non portano ricchezza alla citta’, ma solo confusione e sporcizia.
    Altro che citta’ europea.
    Chi viene da fuori non trova neanche i servizi per informazioni corrette e dettagliate, per come muoversi in citta’, gli avrei voluto far sentire stamattina una coppia venuta da Vercelli in conservatoria, quante invettive ha lanciato contro Salerno per la carenza dei servizi, ci hanno qualificato da terzo mondo…….altro che citta’ europea.

  22. La mia domanda e’ questa: quanti di voi possono pensare che una processione sia un rito religioso? chiedo questo in quanto io penso che questa sia solo una tradizione di paganesimo assoluto che viene elevata all’ennesima potenza solo nel sud Italia. Se il problema era l’inchino ai mafiosi ed i camorristi ,( problema che a Salerno io non vedo) allora bisognava sostituire tutti i portantini in quanto uomini e quindi responsabili delle proprie azioni. Poi in riferimento alla Chiesa , io penso che sia l’ultima in ordine istituzionale a poter richiamare i fedeli ad una sana ed educata vita priva di peccati , in quanto in questi anni hanno dato per prima loro il cattivo esempio. Concludo infine volendo ricordare a tutti quelli che approfittano di questo evento per contestare De Luca, che prima della venuta di questo a Salerno ci sono stati tutti sindaci democristiani , ma nessuno ha fatto per la Chiesa quello che ha fatto De Luca che ha rinnovato tutti i sagrati delle chiese di Salerno rendendole fruibili e vivibili a tutti i fedeli , ricevendo come ringraziamento il risultato che non gli viene riservato nemmeno un posto nel Duomo nel giorno della festa Patronale. Io se fossi alla DIGOS indagherei per prima su Monsignore in quanto quest’ultimo episodio e’ una vera e propria provocazione fatta alla prima istituzione di Salerno.

  23. X quanto riguarda la cementificazione selvaggia devi far riferimento ai sindaci degli anni 60 e 70 e anche qualcosina oltre, che hanno, quelli si, deturpato in maniera irreparabile Salerno, e che De Luca ha cercato di rimediare anche con la creazioni di nuovi parchi: Dimmi se prima di lui ne conoscevi a Salerno. Per quanto riguarda la tua affermazione che ”Salerno DEVE liberarsi di De luca” e che ‘’ormai la città sta prendendo coscienza’’: E’ una tua affermazione che probabilmente trova fondamento nei sondaggi che hai affidato a qualche agenzia specializzata in materia! Le luminarie non portano ricchezza alla città: Sarà certamente frutto di uno studio approfondito affidato a qualche esperto in materia economica. E per quanto riguarda ‘’i suoi successori’’ penso che non è una preoccupazione che ti debba riguardare, ognuno si sceglie i propri. Forse ti dovresti preoccupare del fatto che ha avuto dai cittadini salernitani, che tu evidentemente consideri dei ‘’minus habens’, il 70% e oltre di consenso e per 4 legislature (Ci sarà pure un motivo). Considera solo come era Salerno prima di De Luca e com’ è ora.
    Il giudizio spetterà agli elettori che stabiliranno chi governerà e chi no. Semplice?

  24. il tuo è il commento più bello, grazie per aver aggiunto particolari ai miei ricordi che di anni ne ho 40 e non vivendo in centro non conosco alcuni particolari

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.