Tecnologia: il nuovo iPhone è inviolabile e l’Fbi si ribella

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

IphoneQualche cliente dell’iPhone 6 si chiede se il nuovo maxicellulare gli entra in tasca o se il sistema operativo iOS8 ha falle significative. Il governo Usa, invece, ha altre preoccupazioni. Quello della Apple è solo il primo di una nuova generazione di terminali digitali «blindati»: non più intercettabili non solo dai servizi segreti, ma anche dalla polizia a caccia di criminali.

ANCHE ANDROID. L’allarme è scattato una decina di giorni fa, quando Apple ha annunciato che la sua nuova piattaforma di comunicazione è dotata di un sistema di criptaggio che, attivato dall’utente, non può essere scavalcato nemmeno dall’azienda. L’Amministrazione Obama si è mossa subito, dietro le quinte, ma senza risultati. Così ieri, dopo che anche Google si è messa sulla scia di Apple (la prossima versione di Android non sarà intercettabile da nessuno), il direttore dell’FBI ha deciso di battere i pugni sul tavolo: «Capisco i timori di troppi controlli – ha detto il capo dei “federali”, James Comey – ma l’idea che qualcuno possa vendere un armadio vantando, come strategia di marketing, che nessuno potrà aprirlo nemmeno se c’è di mezzo il rapimento di un bambino e l’ordine di un giudice, è grave e insensato».

RABBIA GOVERNATIVA. Gli eccessi dello spionaggio tecnologico della NSA denunciati da Snowden erano destinati prima o poi a provocare una reazione, di questo le autorità erano consapevoli. Ed era prevedibile che le aziende del web avrebbero cercato di proteggere la «privacy» degli utenti: per loro la fiducia del mercato è importante quanto e forse più della tecnologia. Solo che ora gli eccessi dello spionaggio vengono pagati anche da chi combatte quotidianamente contro il crimine. Incalza Comey: «Verrà il giorno in cui avere accesso ai dati di questi cellulari sarà essenziale per sventare un attentato o catturare un rapitore. Non voglio aspettare di trovarmi in una situazione simile». Il confronto dell’FBI con le due aziende è già iniziato.

Fonte Corriere.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.