Gli studenti salernitani scendono in piazza per un’istruzione gratuita

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Corteo_StudentiMobilitazione degli studenti in tutta Italia indetta dall’Udu (unione degli studenti universitari) e dalla Rete degli studenti sotto l’hashtag #10ottstudentiinpiazza. I ragazzi sono scesi in piazza “per chiedere una scuola, un’università, un Paese diverso, che non è certo quello del Jobs Act o dello Sblocca Italia, per dire che siamo noi la bellezza di questo Paese e che non possiamo più permetterci di vivere nella precarietà ed essere privati dei nostri diritti” sottolineano in una nota. Giornata di forte mobilitazione anche nella provincia salernitana dove le scuole della territorio sono scese in piazza per rivendicare un’istruzione pubblica e gratuita. Il piano scuola proposto dal governo Renzi rimette in discussione la libertà della scuola pubblica, prevedendo finanziamenti dei privati, un cambio della governance degli istituti, una riduzione della democrazia e una subordinazione delle scuole al mondo delle aziende e del mercato.
Inoltre c’è un grande assente nel piano scuola: il diritto allo studio. Vogliamo una scuola che sia accessibile a tutti e che guardi agli ultimi e non ai primi, uscendo da una retorica di merito e competizione che sta distruggendo il mondo della formazione. Per questo oggi a Salerno si sono tenute assemblee e sit-in nelle scuole per discutere del piano scuola, informare e immaginare una scuola diversa, rendendosi conto dell’apertura del governo Renzi ad una consultazione per gli studenti sui punti della “buona scuola”.  Immagineremo un alternativa, conserveremo le positività della riforma e saremo inflessibili sulle criticità che spingeranno il sistema formativo verso la privatizzazione e verso la totale assenza degli studenti nei luoghi decisionali. A Nocera gli studenti del paese insieme con quelli di Pagani hanno manifestato per le strade sino al Municipio per discutere del piano scuola.
Anche a Cava 500 studenti sono scesi in piazza. Le scuole di Agropoli, Eboli e Capaccio, assieme a delle scuole di Salerno, sono sfilate in piazza nel capoluogo, in un corteo di circa mille studenti. “Oggi è stato soltanto un inizio di un percorso – si legge nella nota dell’UDS – I collettivi nati nelle scuole continueranno a discutere e studiare proposte, al fine di costruire una mobilitazione forte e duratura. I percorsi paralleli di sensibilizzazione, creazione dell’alternativa e manifestazione del dissenso convergeranno in una sola idea che come sempre unirà tutti gli studenti, le scuole e i movimenti e collettivi territoriali: la scuola non si paga e non si vende, vogliamo un’istruzione gratuita, pubblica e di qualità”.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. ho 44 anni e 30 anni fa li ho fatti anch’io questo cortei… dopo 30 anni posso dire che rimpiango di non essere andato a scuola quelle volte, avrei imparato più cose che nella vita possono sempre tornare utili invece di perdere tempo a “scemiare”

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.