Salerno: rubano gadget ad ambulante, rissa nel centro storico

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
19
Stampa
movida_pericolosaNell’ambito dei servizi di controllo del territorio volti a prevenire e reprimere i reati contro la persona ed il patrimonio, sei persone sono state denunciate, questa notte, dai poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Salerno, perché ritenute responsabili di rissa. Le Volanti della Questurasono intervenute, ieri sera, nei pressi del Largo Dogana Vecchia, in pieno centro storico di Salerno, ove era stata segnalata una rissa in atto tra un gruppo di giovanissimi italiani ed alcuni cittadini stranieri.

L’immediato arrivo di tre Volanti della Polizia di Stato ha messo fine alla rissa; diverse persone coinvolte hanno tentare di fuggire per evitare di essere controllate ed identificate. I polizotti hanno bloccato ed identificato quattro giovani, tutti salernitani e minorenni, e due stranieri, originari del Bangladesh, rispettivamente di 25 e 40 anni, il primo venditore ambulante, il secondo gestore di un esercizio pubblico ubicato lì vicino. I poliziotti hanno accertato che la rissa era scaturita dal fatto che i quattro giovani avevano avvicinato il venditore ambulante per provare un puntatore laser e quest’ultimo, temendo che i ragazzi volessero impossessarsene senza pagarlo, glielo aveva strappato di mano, strattonandoli.

I giovani avevano reagito colpendolo con calci e pugni, ed attirando così l’attenzione di un commerciante del posto, suo connazionale, e di altri cittadini stranieri che erano intervenuti in aiuto del bengalese. Sul posto sono state fatte intervenire le ambulanze del locale pronto soccorso, per consentire le cure del caso nei confronti del venditore ambulante straniero e di uno dei minorenni coinvolti nella rissa, in quanto entrambi avevano riportato delle lesioni.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

19 COMMENTI

  1. che pezzenti, nel senso peggiore che può avere la parola e nel pieno rispetto verso chi le pezze le porta per necessità. (ovviamente i pezzenti sono i “bravi” ladri salernitani autori del furto)

  2. I Pezzari napoletani al pari di chiunque delinque bengalese o salernitano sono al pari tuo. Portali a casa tua.

  3. Ma vi rendete conto che ogni cosa illegale che accade a Salerno mettiamo sempre i napoletani in mezzo?Anche se non c’entrano.Poi ci dicono che siamo provinciali e abbiamo i complessi.

  4. Quelli che le pezze le portano per necessita\’ ,come dici tu, occupano suolo pubblico senza permesso incassano senza pagare tasse mandano tutto ai loro paesi e cercano di impossessarsi anche del territorio, inoltre personalmente ho assistito ad un pestaggio di una signora che ha avuto il torto di volersi sedere sulla panchina della scuola medica erano in due sempre della stessa razza ( denuncia sporta regolarmente ai Carabinieri di via Duomo), non volevano che la signora occupasse il loro spazio che utilizzavano per esporre le loro merci.
    E poi…leggi bene l\’articolo \’\’– i quattro giovani avevano avvicinato il venditore ambulante per provare un puntatore laser e quest’ultimo, temendo che i ragazzi volessero impossessarsene senza pagarlo, glielo aveva strappato di mano, strattonandoli–\’\’) CAPITO?
    E\’ diventata una Casbah terra di conquiste senza leggi …..MA SOLO PER GLI EXTRACOMUNITARI per gli italiani le leggi esistono eccome. Solo un consiglio mi permetto di darti : VIVI di piu la tua citta\’ cosi te ne accorgerai anche tu !!

  5. Io credo che tu abbia più di un complesso,tieni un orchestra filarmonica.Dirotta le tue attenzioni su 8/10 donne e non ossessionarti con i napoletani….ne guadagnerà il tuo fegato.Senza rancore……

  6. si,sono uno zio di uno dei ragazzi,l’articolo riporta fedelmente l’accaduto,i ragazzi hanno reagito si per primi ma perche’ l’ambulante con toni sgarbati ha spinto uno di loro,ora non facciamo i buoni samaritani per cortesia ,ma se succedeva a qualcuno di noi non succedevano mazzate???un paio di stranieri 40enni contro dei 15 enni non dovevano manco pensare di sfiorarli.che i ragazzi di oggi siano sfrontati ed eccessivamente gasati questo e’ un brutto fatto assodato,l’educazione gli e’ stata data ,poi in branco si cambiano le regole,ma vi prego non fate i saputelli,puo’ succedere a chiunque di noi!!

  7. Il Cilento non appartiene alla provincia di Salerno e si dissocia da questi bulli e prepotenti delinquenti che vivono nell’emarginazione della periferia Salernitana. Cilento Libero e separatista

  8. Anno fatto bene !! Ma adesso dobiamo fare questo a tutti stranieri che sono in italia !!! Litalia apartiene a noi gli italiani !!

  9. scusate……a prescindere dall’accaduto…..

    ma….

    nessuno pone l’accento su alcuni punti:
    1) i venditori erano in possesso di regolare licenza?
    2) in regola con il permesso di soggiorno?
    3) emettevano regolare scontrino?
    4) i prodotti che vendono sono a norma?

    e tanto altro….

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.