Salerno: presidio degli attivisti contro la fiera ornitologica e falconeria

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
lavSi è tenuta oggi, presso il centro Centro Agro-Alimentare nella zona industriale, l’ultima giornata del 39° Campionato Ornitologico Regionale Campano, organizzato dall’Associazione Ornitologica Forestale e patrocinato dal Comune di Salerno e dalla Federazione Ornicoltori Italiani. In mattinata ci sono state inoltre esibizioni de I falconieri dell’Irno.
Come già successo in molte altre manifestazioni del salernitano in cui si sono utilizzati animali, anche stavolta era presente il gruppo di attivisti ‘Veg in Campania’, con i volontari delle Associazioni ‘LAV Salerno e Napoli’ e ‘Venganch’io Cavese’, impegnati in un presidio ed un volantinaggio informativo.
Sebbene gli organizzatori di questa fiera dichiarino di avere tra gli obiettivi quello di ‘propagandare l’amore e la conoscenza degli uccelli, il rispetto e la salvaguardia del loro habitat’, di fatto, quello che si trovava all’interno del mercato ittico di Salerno, erano migliaia di uccelli privati per sempre della libertà, comprati e venduti come merce. Alcuni di questi erano migratori, animali che in natura volerebbero per migliaia di chilometri ed erano invece detenuti in gabbie minuscole, trasformati in merce da esibire. Ma non solo: in vendita c’erano anche tartarughe, cincillà, criceti, conigli, rane.
Presenti purtroppo tanti bambini, a cui viene insegnato che un animale altro non è che un giocattolo, un passatempo, un oggetto che ha un suo prezzo, da portare via all’interno di scatole di ridottissime dimensioni. Pochi euro, e l’animaletto scelto viene inscatolato ed insacchettato. Consolidate teorie psicologiche ritengono che queste manifestazioni sono altamente diseducative per i bambini, che le vedono come una vera e propria legittimazione della sopraffazione del più forte nei confronti del più debole, dell’uomo su tutti gli animali.
‘Rifiutiamo queste fiere e questi spettacoli, perché non rispettosi del diritto alla vita ed alla libertà di ogni essere senziente; rifiutiamo la prigionia, sia essa umana che animale. Vogliamo spezzare le catene, rappresentate da quelle gabbie e da quei lacci alle zampe dei rapaci, ma anche le catene dell’ignoranza umana, della totale incapacità di guardare agli animali con empatia’, ribadiscono gli attivisti di Veg in Campania.
Contemporaneamente gli animalisti chiedono all’amministrazione comunale, che con la recente stesura di un nuovo Regolamento di Tutela degli Animali ha dimostrato maggiore sensibilità a queste tematiche, di seguire l’unica direzione in sintonia con una società che si autodefinisce civile, ovvero di non concedere più né l’autorizzazione, né il patrocinio a questo genere di eventi, che nulla hanno di culturale e sono invece manifestazione di violenza dell’uomo sulle altre specie.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. L’ ignoranza non ha confini, gli uccelli in mostra al di fuori di quelle gabbie non vivrebbero più di mezz’ ora, sono nati da almeno 20- 30 generazioni in cattività, esattamente come le mucche, gli agnelli che buona parte di coloro che dicono di difendere e salvaguardare gli animali, mangiano regolarmente; alla faccia della salvaguardia.

  2. Siamo tutti vegetariano o vegani, “toni sorrento”! Perciò la seconda parte del tuo commento è una colossale idiozia. Quanto alla prima parte, stai messo anche peggio: non stiamo dicendo di liberare adesso QUEGLI uccelli, dove lo hai letto? Chiediamo di porre fine immediatamente a questo commercio e a queste manifestazioni. Contestiamo il rinchiudere gli animali per un egoismo che è tutto umano. La libertà è un diritto fondamentale di tutti, uomini ed animali, ed i tanti bambini che hanno letto i nostri volantini, forse, inizieranno ad essere più consapevoli rispetto alla cecità dei genitori.

  3. l’assenza di proteine gioca brutti scherzi andatevi a trovare una passera e sfogatevi repressi

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.