Salerno; Studenti in strada, corteo contro il Governo Renzi, UE e Jobs Act

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
corteo_salerno_studenti_novembre_2014_1Oltre quattrocento studenti hanno attraversato le strade di Salerno in corteo contestando il governo Renzi la Ue, il Jobs Act, la Legge di stabilità e il piano scuola. L’hanno chiamato sciopero sociale. Nel senso che non viene indetto dai sindacati ma da studenti, precari e partite Iva, ovvero dai lavoratori senza tutele di alcun tipo. «Basta Jobs Act!» è il primo slogan (ma ce ne sono tanti) che accompagnano la manifestazione che ha sfilato per le strade del centro cittadino. Disagi alla circolazione e corteo presidiato dalle forze dell’ordine. Non si registrano momenti di tensione. In piazza Cobas e sindacati autonomi, studenti e precari, attivisti per i diritti civili, esponenti dei centri sociali e delle “occupazioni culturali”.

Contro il Jobs Act, contro la Buona Scuola, contro austerità e privatizzazione dei Beni Comuni. Proponendo un modello di sviluppo che è semplicemente in rotta di collisione rispetto a quello del governo Renzi. Tra gli organizzatori della giornata ci sono i Cobas, in corteo contro “le distruttive politiche di austerità della Ue e del governo Renzi”, contro il Jobs Act, l’abolizione dell’art.18, la precarietà e le privatizzazioni, la legge di Stabilità e il Fiscal Compact, il blocco dei contratti nel Pubblico Iimpiego. E con richieste che vanno dall’abolizione della Legge Fornero a pensioni adeguate per tutti, dal reddito minimo garantito a consistenti aumenti di salari. Poi investimenti per scuola, sanità e trasporti e difesa a oltranza dei Beni comuni e del diritto alla casa.

Gli studenti mettono al centro la critica alla “Buona Scuola” di Renzi. E soprattutto mettono a disposizione la loro capacità di elaborazione e di mobilitazione. Per loro il 14 novembre significa soprattutto il giorno che precede la chiusura della consultazione online lanciata dall’esecutivo. Taglio ai fondi per l’Università, questioni relative all’erogazione delle borse di studio, l’equazione tra “edilizia scolastica e dramma”

IL VIDEO DEL CORTEO A SALERNO

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Ma bastaaaaaa!!! ogni volta che sale qualcuno al governo ci sono scioperi proteste polemiche ecc…ma lasciatelo lavorare a sto Renzi…fategli fare le riforme che vuole..stiamo nella melma nn possiamo perdere altro tempo…fategli fare ste benedette riforme!!!! il problema siamo noi…un popolo ancorato nelle tradizioni che ha paura di cambiare…jamm bell!!!!

  2. Guarda che le “riforme” che intende l’Europa e che Renzi vuole attuare inclinandosi ogni volta che va a Bruxelles a 90 gradi sono “tagli”, hai capito?? Tagli alla povera gente mascherati dalla parola “riforme”. Non producono reddito ma altro impoverimento. Riprendiamoci la nostra italianità ed usciamo dall’euro ricordandoci che appena 30 anni fà in Germania c’era il muro di Berlino…non abbiamo nulla da imparare dalla Merkel… W l’Italia.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.