L’Italia pronta a tornare alla Lira. Grillo rilancia articolo del Guardian

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
euro_guardianNegli ultimi giorni si parla molto all’estero della proposta del MoVimento 5 Stelle di un referendum popolare per uscire dall’Euro. Secondo quanto scritto ieri dal Guardian, questa è l’unica via d’uscita per l’economia italiana. Di seguito la traduzione dell’articolo pubblicato dal quotidiano inglese: “L’Italia si prepara ad imboccare l’uscita. Anche se l’ipotesi di uscire dall’Euro può sembrare fantasiosa per uno dei membri fondatori, c’è una crescente sensazione che fra non più di 2 anni da oggi, Roma sarà nuovamente amministrata dalla propria moneta. I dati della scorsa settimana hanno fotografato un Paese in profonda crisi.

Con un PIL inferiore del 10% rispetto a prima della crisi finanziaria, l’Italia è bloccata da una profonda depressione. Tutti gli sforzi per rilanciare l’economia hanno fallito, tale è la natura sclerotica delle norme fiscali, del mercato del lavoro e delle sue regole. Tutto questo ha impedito il progresso verso un’economia più efficace libera da sussidi e benefici tradizionali. C’è stato un tempo in cui la classe media italiana non voleva sentir parlare di un’uscita dell’euro. Grazie all’Euro hanno mantenuto i loro risparmi e tutte le altre attività, in particolare le loro proprietà, hanno goduto di un valore sicuro con la moneta unica. L’uscita dell’Euro avrebbe portato ad un’enorme calo della ricchezza.

Questa paura sembra essere evaporata oggi. Il MoVimento 5 Stelle di Beppe Grillo si è schierato a favore dell’uscita dall’Euro. Il comico diventato politico sta promuovendo un referendum per uscirne. Più in generale, le mancate promesse di crescita hanno fatto mancare sostegno di Bruxelles e della Banca centrale europea all’Italia. Gli italiani hanno aspettato tre anni che il capo della Bce Mario Draghi iniziasse a stampare moneta coma la Banca d’Inghilterra e la Federal Reserve. Draghi parla all’infinito di immettere liquidità nelle economie in difficoltà della zona euro, per poi tirarsi indietro. La settimana scorsa è successo di nuovo.

Ma anche quando una spinta di Draghi viene messa in pratica, è improbabile che sia efficace. Gli italiani stessi lo sanno. Hanno bisogno di una svalutazione della moneta. E’ l’unica via di salvezza. I giapponesi lo hanno fatto. Questo può essere un buon modello di riferimento, a differenza di quanto stanno facendo gli altri Paesi più importanti creando un enorme debito nel settore pubblico.
Non si possono commettere errori, un ritorno alla lira sarà doloroso. Eppure sembra che gli elettori siano disposti a contemplare questa possibilità per fermare la deriva dell’economia italiana.”

Fonte Beppegrillo.it che rilancia The Guardian giornale inglese

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Possono fare tutti i referendum possibili,il popolo in questo caso non decide nulla,sono referendum consultivi.E il governo attuale è troppo succube dell’Europa per tirarsi indetro.

    Ma a parte questo,ma siete sicuri di voler tornare alla lira con i politici che ci ritroviamo?Torneremmo ai tempi di Craxi,né più né meno.E non mi dite che alle prossime elezioni avremmo politici più seri,sondaggi alla mano ristravincerebbe il duo pdl-pd,a maggior ragione se si fanno la legge elettorale da soli.

    Sarebbe solo l’inizio di una lunghissima discesa,salari compressi all’inverosimile,inflazione alle stelle,moneta carta straccia che ci renderebbe impossibili fare acquisti (sia voluttuari che “business”) o più semplicemente viaggiare all’estero

    Mario

  2. la moneta non c’entra con la classe politica. Lira o Euro purtroppo i nostri politici continuano a fare i loro comodi (sigh). Il discorso è: chi prende uno sitpendio di 500 euro ce la fa a sostenersi? Con un milione di lire di stipendio invece? Purtroppo noi italiani ci siamo fregati da soli. 11 anni fa ricordo subito il passagggio, la mille lire divenne subito 1 euro. Inutile dare sempre la colpa alla politica (in questo caso). Dovevamo teneri i prezzi in modo corretto, invece subito tutti corsero a volerne approfittare, lo stato per primo, trasformo’ (per esempio) la giocata del lotto (puntata minima) mille lire, in un euro (ovevero quasi 1900 lire)… intanto pero’ gli stipendi sono rimasti ancora quelli, cioè chi prendeva 1’500’00 lire, ancora oggi prende 750 euro, mentre i prezzi sono alle stelle, ecco perchè potrebbe essere utile tornare alla lire. Inoltre vi siete mai chiesti perchè l’Inghilterra ha tenuto la sua moneta e la Germania fece il cambio Marco/Euro alla pari? meditate, meditate, ma quale Europa, la Svizzera fece la scelta migliore, non ci entro, a casa mia comando io!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.