Tetti spesa sanità in Campania, Coscioni: “Da Caldoro risposte non convincenti” – [VIDEO]

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Enrico_CoscioniIl Consigliere Regionale del Pd Enrico Coscioni, Vice Presidente della Commissione Sanità della Regione Campania ha proposto un Question-time al Presidente Caldoro sui tetti di spesa sanitaria. Coscioni nel ricordare che la sanità Campana versa in uno stato di confusione e precarietà sottolinea che dal mese di ottobre è scattato il blocco delle prestazioni gratuite con enormi disagi per i cittadini che devono pagare di tasca propria le prestazioni specialistiche. Inoltre – aveva detto – tale situazione si ripercuote anche sulle strutture accreditate inserite nella rete dell’emergenza – urgenza SIRES 118, che hanno raggiunto livelli di stabilizzazione della produzione sia in quantità che in tipologia di prestazioni ed hanno dovuto subire i budget insufficienti per gli anni 2011, 2012, 2013 e 2014 che hanno generato e continuato a generare contenziosi e dissidi con le istituzioni.

Ma quale è stata la risposta avuta dal Governatore?  “Molto evasiva – ha risposto Coscioni -. “La richiesta precisa era sul tetto di spesa imposto a strutture private accreditate che hanno anche la funzione di pronto soccorso, cioè che sono inserite nella rete di urgenza del 118. La Regione Campania ha semplicemente fatto un elenco di dati, che noi già conoscevamo bene, che erano e riguardavano le difficoltà della Regione in termini di spending review e per cui hanno confermato che a ottobre 2014 hanno esaurito il badget. Questo conferma – sostiene Coscioni – quello che noi dicevamo ovvero l’incapacità di programmare da parte di questa amministrazione”.

Ora cosa succede? “Accade che i cittadini sono costretti a pagare le prestazioni specialistiche ambulatoriali e le strutture private accreditate che hanno il pronto soccorso attivo lo devono tenere comunque aperto, hanno una importante funzione pubblica sociale di soccorso h24, ma non verranno remunerati per tutte quelle che sono le prestazioni in urgenza e emergenza che fanno da ottobre a dicembre 2014, è una cosa senza senso, non si può pensare di mettere alle prestazioni di urgenza ed emergenza, andrebbe fatto certamente dalla Regione un importante controllo, ma questo non manca alle strutture regionali, per vedere se ci siano ricoveri soltanto appropiati e non inappropiati, ma sembra chiedere troppo a questa amministrazione.

L’INTERVISTA AD ENRICO COSCIONI

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.