Cilento: una persona denunciata e 200 quintali di legna sequestrati

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
forestale_legna_salernoNell’ambito di servizi di vigilanza ambientale e controllo del territorio finalizzati a preservare e difendere il patrimonio boschivo del verde Cilento, il personale del Corpo Forestale dello Stato afferente al Coordinamento Territoriale per l’Ambiente di Vallo della Lucania, ha scoperto nei comuni di Trentinara, Campora, Castel San Lorenzo, Camerota e Ceraso il taglio abusivo di numerosi alberi ricadenti su terreni Demaniali e privati. Tutte le località oggetto degli abusi ricadono in zone di particolare valenza naturale, sottoposte a vincolo idrogeologico, nonchéricadenti nel perimetro dell’area protetta del Parco Nazionale del Cilento  Vallo di Diano e Alburni. 

Il Comando Stazione Forestale di Capaccio-Roccadaspide, durante un servizio mirato al furto di legna, giunto in località “Marco Cozzo” in agro del comune di Trentinara, sorprendeva un uomo che con l’ausilio di una motosega stava tagliando alcune piante di specie quercina. Ispezionando accuratamente i luoghi, si constatava che erano state tagliate e depezzate pronte per essere trafugate dieci piante di leccio. Dalle indagini, si appurava che l’uomo privo di ogni autorizzazione stava effettuando il taglio in area demaniale di proprietà del comune di Trentinara.

Accertato l’abuso, le Giubbe Verdi al fine di evitare ulteriori danni al bosco, ponevano a sequestro penale gli strumenti utilizzati per il taglio e tutta la legna, la quale veniva trasportata e depositata presso un sito del Comune. Il sequestro eseguito veniva prontamente convalidato dal Tribunale di Salerno. L’uomo, denunciato per furto e danneggiamento alla Autorità Giudiziaria, rischia la reclusione da sei mesi a tre anni.

Il Comando Stazione Forestale di Laurino, accertava alla località “Calore” in agro di Campora su proprietà comunale, il taglio da parte di ignoti di piante di cerro, parzialmente depezzate giacenti a terra pronte per essere trafugate. Vista l’impossibilità di poter risalire agli autori del reato, si predisponeva il sequestro di circa quaranta quintali di legna da ardere, che veniva trasportata, depositata e custodita presso un’area adeguatamente recintata di proprietà del comune.  Per i casi accertati nei comuni di Castel San Lorenzo, Camerota e Ceraso proseguono le indagini da parte del Corpo Forestale dello Stato, al fine di ricostruire e trovare utili elementi per assicurare alla giustizia i responsabili dei furti.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.