Agricoltura: emergenza cinghiali, allarme Coldiretti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
cinghlialiLa provincia di Avellino e quella di Salerno sono tra le più colpite in Italia dall’emergenza ungulati. A comunicarlo il direttore di Coldiretti Avellino, Salvatore Loffreda e il presidente di Coldiretti Salerno, Vittorio Sangiorgio. “Nell’ultimo triennio – spiega Sangiorgio – i cinghiali in provincia sono triplicati e hanno superato il milione di capi.

Lanciamo un appello al Prefetto, alle istituzioni, ai sindaci per affrontare l’emergenza faunistica. Senza risposte esaustive non escludiamo di rafforzare la mobilitazione.

Il problema – osserva Coldiretti Salerno – è anche sanitario: i cinghiali, infatti, sono portatori di focolai di brucellosi e rischiano di contagiare gli allevamenti regolarmente registrati e soggetti a profilassi di Stato obbligatoria.

Le situazioni più gravi si registrano nella Valle del Calore, nell’area degli Alburni, tra Castelcivita, Ottati, Sant’Angelo a Fasanella, Corleto Monforte, fino a Roscigno e Bellosguardo. Problemi gravi anche sui Monti Lattari e nei Picentini. Da anni – ricorda Sangiorgio – denunciamo il problema e facciamo proposte concrete, ma non si è giunti mai ad una soluzione condivisa. E’ stato anche elaborato un documento di base, sul quale si è avviato un proficuo confronto con Legambiente, che costituisce una prima proposta da approfondire”. Coldiretti Salerno, infine, ricorda che i risarcimenti non risolvono il problema: “Le imprese agricole in molti casi non denunciano neanche più – rivela Sangiorgio – e non sono in grado di garantire la normale programmazione aziendale”.

Preoccupazione anche da parte di Coldiretti Avellino dal momento che “i cinghiali devastano ogni giorni colture di pregio, come le vitivinicole, le cerealicole, le nocciolicole e castanicole, danneggiando anche alberi di frutto e orti”. Coldiretti Avellino sollecita un intervento della Regione Campania: “Non si tratta più solo di un problema di risarcimento danni, indennizzi che spesso non coprono l’entità della perdita economica subita dalle aziende, ma di sicurezza nelle campagne.

Il problema è ormai un’emergenza su tutto il territorio provinciale. Attualmente non vi è un rapporto equilibrato tra l’esigenza di tutela della fauna selvatica e l’esercizio dell’agricoltura. Servono strumenti per gestire la presenza degli ungulati sul territorio, comprese le aree protette”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. … dopo i migranti, i ROM, i terroni, i cani, le passere, le blatte, i topi ora se la pigliano con i cinghiali.
    Chiamate Salvini con la ruspa sistema tutto.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.