Caldo: aumentano gli accessi in pronto soccorso. In arrivo altra ondata

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
pronto_soccorso_salerno_inaugurazione_caldoro_de_luca_22Pronto soccorso sempre più presi d’assalto a causa del caldo eccezionale di questi giorni anche se, affermano gli esperti di Medicina di urgenza, la situazione è sotto controllo.

Nelle prime due settimane di luglio, le temperature hanno infatti raggiunto livelli eccezionali, con una significativa ricaduta, anche se “quantitativamente limitata”, sulla salute degli italiani, che si sono rivolti ai pronto soccorso degli ospedali.

Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno si registra infatti un aumento medio degli accessi in pronto soccorso pari a circa il 10%.

I dati arrivano dalla Società italiana di Medicina di emergenza urgenza (Simeu), che registra l’aumento di accessi maggiore nelle grandi città. Forti sono però le variazioni regionali: più contenuto l’afflusso ai pronto soccorso in Piemonte e in Veneto, mentre picchi fino al 20% si sono avuti in alcune aree dell’Emilia Romagna e del Lazio.

Oltre all’incremento delle patologie imputabili al caldo, come disidratazione, colpo di calore e sincope, è stato riscontrato un aumento di scompensi di patologie pre-esistenti (cardiopolmonari, renali e metaboliche). In alcune regioni, come il Piemonte, si è rilevato inoltre un aumento di mortalità che riguarda, come sempre in queste situazioni, i pazienti più fragili: anziani, con varie patologie, malati cronici allettati e fasce deboli per povertà e isolamento sociale.

“Oltre a rendere capillare l’informazione sulle regole più importanti da osservare in occasione dei picchi estivi di caldo – sottolinea il presidente nazionale Simeu, Gian Alfonso Cibinel – è necessario attivare iniziative di supporto sociale e sanitario, sia da parte delle istituzioni che dei servizi sanitari, come avviene in molte regioni. Ma anche i cittadini devono fare la loro parte, partendo dalla semplice segnalazione delle persone in difficoltà”.

Secondo il presidente Simeu è però anche fondamentale che le strutture sanitarie “rispondano garantendo condizioni ambientali adeguate, a partire da sistemi di condizionamento d’aria efficaci, in tutte le sedi di cura ed anche nei pronto soccorso”. Altro problema resta poi quello dei posti letto: “Come in tutte le stagioni – afferma Cibinel – è necessario assicurare un numero adeguato di posti letto ospedalieri per i pazienti che devono essere ricoverati dai pronto soccorso.

Anche in questo periodo, come nella stagione invernale – avverte l’esperto – si sono verificate situazioni di affollamento nei pronto soccorso, in parte correlate pure alla riduzione dei posti letto per chiusura estiva parziale dei reparti”. E’ dunque “indispensabile che ogni ospedale – conclude – si doti di piani efficaci per la gestione del sovraffollamento dei pronto soccorso, estivo o invernale, come richiesto dalla Simeu in una recente lettera al ministro della Salute”.

AGGIORNAMENTO METEO. Caronte continua ad infiammare l’Italia. Non si escludono possibili temporali di calore nell’arco alpino e anche sull’Appennino settentrionale. Subiremo sempre un caldo afoso intenso con alti tassi di umidità e punte fino a 40 gradi nelle zone interne del Centrosud.

La prossima settimana continuerà il caldo che stringerà ancora l’Italia nella morsa di Caronte con picchi massimi tra martedì e giovedì, ma da sabato 25 luglio ci sarà un possibile sblocco della situazione iniziando dal nord. Dopo tale data le correnti più fresche nord atlantiche tenteranno di forzare l’anticiclone africano ma l’impresa non sarà agevole.

Si aprono due ipotesi: alta pressione in temporaneo indebolimento con temporali al Nord, marginalmente al Centro; calo termico al Nord, qualche grado in meno anche al Centro, sempre caldo intenso al Sud. Seconda ipotesi: alta pressione ancora forte, qualche temporale a lambire il Nord con lieve calo termico ma comunque molto caldo; Centrosud nella canicola fino a fine mese.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.