Ottavia Voza, da uomo a donna grazie a una sentenza del Tribunale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
ottavia_vozaNon è obbligatorio sottoporsi all’operazione di cambio sesso per avere la correzione degli atti anagrafici. Lo ha stabilito il tribunale di Salerno, recependo la decisione della prima sezione della Corte di Cassazione dello scorso  luglio, nell’accogliere il ricorso presentato dall’architetto Ottavia Voza di Capaccio che così vede riconosciuta la sua richiesta di attribuzione dell’identità anagrafica.

Si tratta di una delle prime pronunce che riconoscono il diritto all’autodeterminazione e non subordinano la riattribuzione anagrafica del sesso alla riattribuzione
chirurgica primaria del sesso stesso.

Ottavia, infatti, non è ancora entrata in sala operatoria per completare il suo percorso di cambiamento nonostante abbia regolare consenso dal 2012 ma sui suoi documenti da domani sarà una donna a tutti gli effetti, così come tutti, ormai da anni, la riconoscono.

«Questa decisione aggiunge un pezzo importante al percorso di libertà ed emancipazione delle persone transessuali – ha sottolineato Ottavia Voza, presidente provinciale di Arcigay e responsabile nazionale della stessa associazione per i diritti all’identità – Perché viene riconosciuta quella che non è una scelta della singola persona ma una condizione. Si tratta del primo caso riconosciuto dal tribunale di Salerno ed il quindicesimo in Italia».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. ridicolo! allora togliamo completamente l’indicazione uomo-donna sui documenti, ha più senso!

    Qui non c’entra nulla il razzismo, omofobia, sessismo e balle simili: si tratta di chiamare bianco il bianco e nero il nero. Se poi vogliamo chiamare bianco il nero e nero il rosso.. possiamo anche farlo.. ma non vedo dove sia l’emancipazione in questo.

    “balle” non perchè lo siano in generale (non mi si dica che affermo l’inesistenza di quei problemi, NON è ciò che sto dicendo!), ma per gli eccessi ai quali qualcuno ci sta sottoponendo!

    Io sono uomo perchè ho dei caratteri genitali “da uomo”;
    se domani dovessi sentirmi qualcosa che non sia né uomo né donna secondo questi giudici e questa “ideologia” dovrei poter scrivere che sono ad esempio “armadio”? “uomo-gatto”? “donna al 32%??”

    Dov’è il limite, secondo loro??

  2. Paolo Q4: e a te che ti frega di Enzo che pensa ad Ottavia?? forse hai SERI problemi di identità..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.