Il caso Mastursi agita il dibattito politico in Regione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
mastursi_de_luca

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in merito al caso di Nello Mastursi – suo dimissionario capo della segreteria – parla di “ricostruzioni fantastiche politiche giudiziarie” in merito alle quali, dice, “non perdo neanche dieci secondi”. A Radio Kiss Kiss Napoli, De Luca dice che Mastursi gli ha comunicato che “faceva fatica” a gestire un doppio incarico”. “Se ci sono delle cose da chiarire la magistratura faccia il proprio lavoro – ha aggiunto – vada avanti senza guardare in faccia a nessuno”.

IL VERTICE DI MAGGIORANZA. Nessun riferimento alle dimissioni di Nello Mastursi da capo della segreteria né domande da parte dei consiglieri presenti. É durato quasi due ore il vertice di maggioranza fra Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, gli assessori ed i consiglieri regionali di centrosinistra: ma non si è parlato, secondo quando riferito da chi ha partecipato all’incontro, delle dimissioni di Mastursi, in un incontro che era già stato convocato prima del clamore sollevato dall’abbandono dello stretto collaboratore del presidente. Bocche cucite e “nessuna curiosità” sulle ragioni che hanno spinto Mastursi a dimettersi anche se qualcuno dice: “Chiederemo chiarimenti”.

Chi era presente fa sapere, all’uscita da Palazzo Santa Lucia, che in Regione “c’è un clima sereno dato anche dai temi dell’incontro”. A cominciare dal disegno di legge sul riordino del servizio idrico, da domani in commissione e che, se sarà licenziato in tempo utile, approderà in aula il prossimo lunedì. De Luca, secondo quanto riferito dai consiglieri che hanno partecipato, ha illustrato una informativa relativa ai fondi europei sia per quanto riguarda la prossima programmazione sia per quanto riguarda le misure di accelerazione della spesa. Tra i temi di discussione lo scioglimento dell’Arsan, Agenzia regionale per la sanità, e il disegno di legge relativo alle modifiche dello Statuto e del Regolamento.

LA PERQUISIZIONE A CASA MASTURSI. Nello Mastursi, dimissionario capo della segreteria del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, è stato perquisito su iniziativa della procura di Roma. A piazzale Clodio c’è una fascicolo nel quale si fa riferimento al collaboratore del Governatore della Campania, ma gli inquirenti mantengono il riserbo più stretto su tipologia degli accertamenti e sulla posizione dello stesso Mastursi. Le perquisizioni sono state compiute nell’abitazione e nell’ufficio di Salerno del collaboratore di De Luca.

LE REAZIONI POLITICHE

m5s_ciarambino_regionaliM5S, Ciarambino, motivazioni una pezza a colori. “Le motivazioni ufficiali sono una pezza a colori”. Così Valeria Ciarambino, capogruppo del Movimento Cinque Stelle in Consiglio regionale della Campania, commenta così le dimissioni di Nello Mastursi, capo della segreteria di Vincenzo De Luca, neopresidente della Regione Campania. “Hanno parlato di carichi di lavoro – dice – quello che sappiamo lo abbiamo appreso dalla stampa”. “Trapelano invece notizie di inchieste e perquisizioni – sottolinea -. A distanza di 24 ore ciò che colpisce, e poco sorprende, è il mistero che avvolge le dimissioni di Mastursi e il silenzio inquietante di De Luca sul suo braccio destro”.

“E sorprende il silenzio assordante di De Luca – afferma – Il ruolo rilevante ricoperto da Mastursi, che aveva in mano l’intera macchina amministrativa regionale, si è occupato delle liste per la scorsa campagna elettorale, dovrebbe indurre De Luca a parlare e spiegare per il rispetto della trasparenza e correttezza nei confronti dei cittadini e cittadine campane”. “De Luca deve fare subito chiarezza – aggiunge – lo deve alla Campania per senso istituzionale, per rispetto e tutela dell’istituzione che rappresenta deve spiegare urgentemente ciò che sta accadendo in Regione Campania”. “Come Movimento Cinque Stelle aspettiamo che emergano maggiori elementi – conclude – ma la questione venutasi a creare è molto seria e grave e merita un immediato chiarimento”.

Mastursi; Passariello, “De Luca chiarisca in fretta”. “De Luca chiarisca e lo faccia in fretta”. Luciano Passariello, consigliere regionale di Fratelli d’Italia, parla così delle dimissioni del capo della segreteria di Vincenzo De Luca, neopresidente della Regione Campania, Nello Mastursi. “Ancora nulla è trapelato su quanto sta accadendo – dice – il comunicato di De Luca è ridicolo. Anche perché dire che due incarichi erano troppo nasconde un’amara verità”. “Ed è ancora più grave, a parte il fatto che si sia dimesso, che – dice Passariello – a indagare sia la Procura di Roma, ben lontana dalla Campania, quindi oltre i confini di questa regione. Ci sono collegamenti tra Roma e Napoli e dato che a Roma tira una brutta aria in questo periodo, la cosa è grave”. “Ricordo che prima delle elezioni – conclude – per aver venduto una barca sono finito su tutti i giornali e marchiato come impresentabile”.

Arturo_Scotto_SELScotto, De Luca spieghi cosa sta accadendo. “Il Presidente De Luca spieghi cosa sta accadendo in Regione Campania. È una questione di trasparenza e di correttezza nei confronti dei cittadini e delle cittadine campani”. Lo dichiara il capogruppo a Montecitorio di Sinistra Italiana Arturo Scotto, commentando le dimissioni del capo segreteria di De Luca, Nello Mastursi. “Quanto accaduto ieri – conclude l’esponente di Sinistra Italiana – è un fatto molto serio e da non sottovalutare, visto che è aperta un’indagine della magistratura”.

De Siano, De Luca chiarisca su vicenda Mastursi. “Le dimissioni del capo della segreteria del presidente De Luca, sorprendentemente avvolte nel mistero più profondo, non sono una questione di lana caprina. Il presidente De Luca deve chiarire immediatamente le ragioni vere per le quali sono state rassegnate delle dimissioni che, come leggiamo sulla stampa, sono evidentemente collegate o comunque concomitanti con una inchiesta”. Lo afferma il coordinatore regionale campano di Forza Italia, senatore Domenico De Siano. “Non osiamo neppure immaginare – aggiunge – che cosa non si sarebbe scatenato se una vicenda del genere fosse capitata a noi. Saremmo stati certamente crocifissi in pubblica piazza”. “Torniamo ovviamente a sottolineare che siamo assolutamente garantisti – conclude De Siano – ma la questione, per quanto ci riguarda, è politica ed è seria. E De Luca deve darne conto”.

Fulvio_MartuscielloCampania: Martusciello, “De Luca chiarisca su capo segreterio”. “Ne’ Churchill ne Camillo Benso hanno mai avuto una perquisizione personale e negli uffici. De Luca farebbe bene a dire se conosce o meno l’inchiesta che ha travolto il suo capo segreteria”. Lo afferma, in una nota, Fulvio Martusciello, europarlamentare di Forza Italia.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Era quasi scontato ma aspettiamo sereni le indagini della magistratura ,se poi dopo circa 20 anni di assoluto strapotere in ogni settore della vita pubblica gli ribolli un po’ di coerenza e moralita’,allora farebbe bene a dimettersi.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.