Corte d’Appello, scatta la protesta contro l’accorpamento

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Tribunale_Salerno_2Soppressione della Corte d’Appello e aule del Tribunale di Salerno fatiscenti sono stati i punti all’ordine del giorno nell’assemblea della Camera Penale tenutasi ieri mattina al terzo piano del palazzo di giustizia. Contro il disegno di legge che prevede l’accorpamento della Corte d’Appello a quella di Napoli sono pronti ad alzare le barricate avvocati e magistrati anche perché, tale decisione porterebbe all’implosione della giustizia sia a livello cittadino che provinciale.

I penalisti hanno avuto, e avranno, pieno sostegno dall’Associazione Nazionale Magistrati, presente con il delegato territoriale Massimo Palumbo e dal Consiglio dell’Ordine nella persona dell’avvocato Gaetano Paolino. Il prossimo 3 dicembre, quando ci sarà astensione nazionale, è stata indetta un’altra assemblea durante la quale in merito alle problematiche sollevate saranno rese note le iniziative da intraprendere.

All’incontro- che si terrà sempre presso l’Aula Parrillisono stati invitati politici, sindacati, avvocati, magistrati, cancellieri e semplici cittadini. «Se dovesse essere approvata la riforma Vietti – spiega il presidente della Camera Penale Michele Sarno – passerebbe il criterio della regionalizzazione e la Corte d’appello di Salerno sarebbe accorpata a Napoli. Una cosa inaccettabile, che concretizzerebbe una denegata giustizia visto che i tempi dei rinvii da un’udienza all’altra sarebbero lunghissimi. Siamo pronti a fare su questo una grande battaglia, perché se bisogna razionalizzare le energie».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Per efficienza, pulizia e sicurezza, il porto di Napoli può chiedere al massimo il consorzio con Casal di Principe e con la Terra dei fuochi.
    Salerno fa parte invece della Campania delle eccellenze e per chiedere l’accorpamento con noi, occorrono a Napoli almeno 300 anni di storia di buona amministrazione. Possono chiedere l’accorpamento con il nostro porto, dopo aver ripulito la loro città dalla munnezza, dalla criminalità, dai parcheggiatori e dall’arroganza. Per ora niente accorpamento. Riesamineremo la vostra richiesta nel 2045. Chi vivrà vedrà, Vesuvio permettendo!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.