Guidava ubriaco l’auto nella quale perse la vita Dorotea Di Sia, condannato a tre anni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
dorotea_di_sia_policastroTre anni di carcere per Pantaleo D’Addato  il 36enne che il 13 maggio dello scorso anno era alla guida dell’auto a bordo della quale, in seguito ad un incidente, perso la vita la 26enne Maria Dorotea

Di Sia.

Ad Ottobre c’era stata una prima udienza ed il GIP aveva respinto la richiesta di patteggiamento della pena presentata dall’avvocato di D’Addato. Il GIP in quella circostanza aveva inviato nuovamente gli atti al PM perchè aveva ritenuto che la pena richiesta non fosse congrua. Il giudice, infatti, aveva ritenuto non applicabili le attenuanti generiche vista la gravità del fatto contestato. L’avvocato difensore del 36enne aveva chiesto una pena di 2 anni di reclusione con sospensione condizionale. Richiesta che aveva avuto anche l’assenso del Pubblico Ministero.

Questa mattina nel carcere di Trani il giudice ha emesso la condanna per il conducente dell’auto che si andò a schiantare contro un palo. Secondo quanto emerso nel corso del processo D’Addato risultò positivo all’alcol test e agli esami tossicologici. Oltre ai tre anni gli è stata revocata la patente di guida ed è stato interdetto per cinque anni dai pubblici uffici.

Maria Dorotea, originaria di Santa Marina, era studentessa all’accademia delle Belle Arti di Brera a Milano ed era conosciuta nel Vallo di Diano poiché alcuni suoi parenti abitano a Sala Consilina ed ha frequentato il Liceo Artistico di Teggiano fino all’anno scolastico 2006-2007. Il 13 maggio di un anno fa era a bordo dell’Audi A6 condotta da Pantaleo D’Addato, insieme a loro c’erano anche altre 3 persone, rimaste ferite. L’auto si era schiantata contro il pilastro in muratura di una villa in costruzione nel comune di Bisceglie. Per la ragazza, che si trovava sul sedile posteriore, non c’era stato nulla da fare: morta sul colpo.

Il giovane che era alla guida in seguito alle analisi effettuate in ospedale aveva un tasso alcolemico di gran lunga superiore al limite massimo previsto dalla legge (2,45 g/l) ed aveva nel sangue due tipi di droghe: cannabis e cocaina, quest’ultima era presente nel sangue in un quantitativo di 11 volte superiore al limite consentito.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. ma perchè oltre a vietare l’uso delle droga non si viete l’uso di alcool ??? siamo il paese di pulcinella

  2. ma perchè oltre a vietare l\’uso delle droga non si viete l\’uso di alcool ??? siamo il paese di pulcinella

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.