Aneurisma curato come un mal di testa, 8 medici a processo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
ospedale_salernoSarà un processo ad accertare cause e responsabilità per la morte della 57enne Antonia Quaranta che spirò al Ruggi il primo agosto del 2013 dopo i ricoveri negli ospedali di Eboli, Battipaglia e Salerno dopo 20 giorni di calvario. Alla basedel decesso, secondo l’accusa che porta a processo otto tra medici e personale delle strutture ospedaliere una diagnosi sbagliata: un aneurisma curato come una banale encefalea. Il calvario per la donna battipagliese inizia nel luglio del 2013. Per due volte aveva chiesto aiuto ai medici di due diversi ospedali, e per due volte l’avevano rimandata a casa con la diagnosi di una banale mal di testa. Antonia Quaranta aveva invece un aneurisma, che pochi giorni dopo la portò alla morte. Era l’11 luglio. La 57enne accusava mal di testa sempre più persistenti e quel giorno si fece accompagnare in ospedale a Eboli.

Fu visitata ma il responso non era andato oltre una forte cefalea e la paziente fu stata subito dimessa. Lei però continuava a star male. Il dolore si faceva sempre più insopportabile, durante la notte cominciò il vomito e il giorno dopo la donna, dipendente della Finagricola di Battipaglia, era stata portata in ambulanza al Pronto soccorso di Battipaglia. Qui i medici le avevano praticato un lavaggio per lenire la sofferenza. Le condizioni non migliorarono. Così il giorno dopo – sabato 13 luglio – raggiunse il “Ruggi” di Salerno dove i medici l’avevano ricoverata, scoprendo l’aneurisma. Nei giorni successivi era stata sottoposta a due interventi. Dopo la prima operazione, che doveva essere sufficiente a far rientrare la patologia, l’aneurisma si ruppe provocando una emorragia e un edema cerebrale massivo. La 57enne era stata operata di nuovo e sottoposta a una terapia farmacologica, ma tutto fu inutile.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.