Che cos’è la democrazia (o del governo dei rapporti economici) di Angelo Giubileo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
angelo_giubileo_2Attraverso lo spazio e il tempo in divenire, anche la costruzione che segue è ascrivibile allo schema della tecnica aristotelica, nota come sillogismo. Questa è la democrazia di Pericle. Questa è l’Unione europea. Questa è l’Unione europea di Pericle. Secondo un punto di vista, che non può non essere liberale, il preambolo della Costituzione europea si avvale correttamente delle parole del Pericle di Tucidide: La nostra Costituzione è chiamata democrazia perché il potere è nelle mani non di una minoranza ma del popolo intero.

Nel preambolo della Costituzione europea, è presente una frase che Tucidide fa dire a Pericle. A giudizio dell’illustre filologo e storico, Luciano Canfora, si tratterebbe di una vera e propria “falsificazione” (in La democrazia storia di un’ideologia, 2004).

Ho riletto il saggio di Canfora dopo che a settembre 2015, in uscita per la Feltrinelli, è stato tradotto un altro interessante saggio, pubblicato per la prima volta nel luglio 2013, di David Van Reybrouck dal titolo  Contro le elezioni-perché votare non è più democratico. Il saggio si apre con una frase di Jean-Jacques Rousseau tratta da Il Contratto sociale (1762): “Il popolo inglese crede di essere libero, ma si sbaglia di grosso; lo è soltanto durante l’elezione dei membri del Parlamento; appena questi sono eletti, esso torna schiavo, non è più niente”.

Per Canfora, l’uso del termine demo-crazia è stato introdotto nel linguaggio dell’uomo ed in particolare esperito dai greci ateniesi al fine di rappresentare l’idea di comunità che nell’antichitàtrova compimento allorquando a tutti i liberi di Atene, e quindi non agli schiavi (tra i quali, in particolare, gli iloti di Sparta ex Dori liberi) che di essa ne fanno parte, è attribuito il diritto di cittadinanza. Al di fuori della città greca, fuori dal territorio e oltre i confini della polis, non restano che i barbari (oi barbaroi). Per gli stessi greci, l’esercizio effettivo della cittadinanza è invece questione procedurale, regolata dal meccanismo di scelta della decisione, e quindi mediamente dal meccanismo di elezione.

Angelo Giubileo

(Parte I – continua)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.