Commissione Ambiente Regione Campania: riordino ciclo rifiuti Bonavitacola: ‘’Ddl è cambio di passo’’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
De_Luca_Bonavitacola“Il Ministero all’Ambiente ha sollecitato la Regione Campania a completare un percorso che desse riscontro il più possibile alla sentenza di condanna della Corte di Giustizia europea la cui sanzione articolata in una quota fissa e in una quota giornaliera di 120 mila euro a decorrere dalla metà di gennaio ormai è alle porte”. E’ quanto ha spiegato stamani in Commissione regionale Ambiente, presieduta da Gennaro Olivero (Pd), il vice presidente della Giunta regionale e assessore regionale all’ambiente Fulvio Bonavitacola nell’introdurre l’esame del ddl “Riordino del ciclo dei rifiuti” e nel motivare i tempi stretti entro cui è fondamentale che il Consiglio approvi il testo, tempi indicati dal presidente Oliviero nel 15 gennaio, per l’approvazione in Commissione,  per giungere all’approvazione in Consiglio entro il 20 gennaio, come richiesto dalla Giunta.

“Fondamentalmente c’è stato chiesto di produrre tre cose: un segnale di operatività sull’annosa vicenda delle eco balle; un aggiornamento del piano di gestione dei rifiuti secondo le linee guida che la nuova Amministrazione ha approvato nell’agosto del 2015 e che modifica l’impostazione, anche culturale, del precedente piano di gestione dei rifiuti perché abbiamo previsto di rinunciare agli impianti di termovalorizzazione e di puntare essenzialmente sulla raccolta differenziata degli impianti di compostaggio; la terza questione è un assetto ordinamentale del ciclo di gestione dei rifiuti che dimostrasse un cambio di passo” – ha proseguito l’esponente della Giunta De Luca – che ha sottolineato: “è evidente che le ragioni di una condanna riguardano una perdurante non autosufficienza del ciclo di gestione dei rifiuti in ambito regionale e su queste sono state prodotte varie buone intenzioni, da ultimo è stata anche approvata una legge regionale nel 2014 che non ha avuto applicazione”. Bonavitacola ha, quindi, evidenziato che “questa legge vuole recepire nell’ordinamento regionale i principi dell’Unione Europea ed attuarli: i principi della riduzione alla fonte della produzione dei rifiuti, del riuso, del recupero energetico, l’adesione della Regione Campania alla cultura della cosiddetta economia circolare che è una visione del processo produttivo tesa ad incentivare, attraverso l’impiego dei fondi europei, la ricerca scientifica e le attività produttive che privilegiano beni di consumo umano che sono già ideati all’origine per poter essere riutilizzati. È una legge ispirata da principi aderenti alle visioni più avanzate e alla cultura europea in questo campo”.   Quanto all’assetto ordinamentale, Bonavitacola ha sottolineato che “vanno conciliati i due principi della rappresentanza, sempre, e della democrazia che funziona, capace di assumere decisioni.  Puntiamo su un assetto ordinamentale che concilia questi due principi in una dimensione di certezza giuridica: i 5 ambiti territoriali coincidenti con i territori delle 5 Province sono consorzi obbligatori di funzioni che discendono dalla cultura dell’autonomia locale sancita dal decreto legislativo 267 del 2000 e, in una forma associativa certa, con organi di governo snelli che adottano decisioni perché hanno la competenza e il potere di farlo. Prevediamo anche un’articolazione degli ambiti provinciali, un’articolazione non di governo perché l’ente di governo è l’Ato, ma un’articolazione delle forme di gestione del servizio o dei suoi segmenti”.

Bonavitacola ha anche sottolineato “l’impianto del ddl è migliorabile, così come la Commissione ha fatto sulla legge di riordino del servizio idrico integrato, che è uscita dalla Commissione e poi dal Consiglio regionale molto migliorata rispetto al disegno di legge originario” esprimendo rammarico per la stretta tempistica che è dovuta  alla scadenza della condanna della Corte di Giustizia europea e non certamente a una volontà di forzare o di strozzare il dibattito. “Abbiamo fatto il possibile naturalmente per portare all’esame della Commissione la legge in condizione da poter fare un lavoro utile – ha concluso – e credo che con l’impegno di tutti e assumendo questa come una scadenza un po’ straordinaria, quindi anche con sedute impegnative, nonostante la ristrettezza dei tempi possiamo arrivare ad un risultato finale soddisfacente”.

 

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.